QF 6 in/40

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
QF 6 in/40
Cannone da 152/40
QF 6 in Mark I in installazione a piattaforma scudata.
QF 6 in Mark I in installazione a piattaforma scudata.
Tipo cannone navale/da costa
Origine Regno Unito Regno Unito
Impiego
Utilizzatori Regno Unito Regno Unito
Argentina Argentina
Cile Cile
bandiera Regno d'Italia
Giappone Giappone
Conflitti Guerra russo-giapponese
Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Produzione
Costruttore Armstrong Whitworth
Royal Gun Factory
Entrata in servizio 1892
Ritiro dal servizio 1945
Varianti Mk I
Mk II
Mk III
Type 41
Descrizione
Peso 6.700 kg
Lunghezza canna 6,096 m
Calibro 152,4 mm
Peso proiettile 45 kg
Cadenza di tiro 5-7 colpi/min
Velocità alla volata 657 m/s
Tiro utile 9.000 m
Elevazione -5°/+30°

[senza fonte]

voci di armi presenti su Wikipedia

Il QF 6 in/40 è un cannone navale realizzato nel Regno Unito tra fine del XIX secolo e l'inizio del XX, imbarcato sulle unità navali di molti paesi ed impiegato come artiglieria costiera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il pezzo è stato progettato dalla Armstrong Whitworth e costruito, oltre che da questa, dalla Royal Gun Factory e su licenza dalla Armstrong-Pozzuoli. Entrò in servizio nella Royal Navy nel 1892, presso la quale era conosciuto nelle varie versioni come il QF 6 inch Mk I, Mark II e Mark III.

Il pezzo era imbarcato sulle corazzate pre-dreadnought e sugli incrociatori corazzati della Marina imperiale giapponese, presso la quale era indicato come Type 41 6-inch (152 mm)/40 e su quelle costruite per la Regia Marina, presso la quale era conosciuto come Cannone da 152/40. Armava per esempio le pre-dreadnought classe Emanuele Filiberto, gli incrociatori corazzati classe Vettor Pisani e classe Giuseppe Garibaldi, l'ariete torpediniere Piemonte.

Dopo la dismissione di queste unità, i cannoni armarono, fino alla fine della seconda guerra mondiale, i treni armati della Regia Marina e soprattutto le batterie costiere del Regio Esercito e quelle della Regia Marina, presso la quale erano operativi, nel 1942, 37 pezzi in 11 batterie operate dalla Milizia Marittima di Artiglieria.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

QF 6 in Mark III.

Quest'arma fu realizzata per sfruttare la nuova tecnologia britannica definita "Quick-firing" ("QF"), ovvero il sistema di caricamento con la carica di lancio contenuta in bossolo metallico, con l'innesco inserito nel fondello. Questa tecnologia consentiva la realizzazione di blocchi di culatta più leggeri grazie alla tenuta dei gas assicurata dal bossolo stesso, a differenza dei precedenti sistemi con cariche di lancio in sacchetti di tela e cannello di innesco separato.

La versione Mark I ha canna composta, prodotta dall'Armstrong. Il Mark II fu prodotto invece dal Royal Arsenal con l'innovativa tecnica del wire-wound: la canna è formata da un'anima (chiamata tubo A) sulla quale viene avvolto un lungo filo o nastro metallico di alcuni centimetri di diametro; la matassa di filo metallico viene poi coperta da un manicotto, chiamato tubo B; tale conformazione conferisce particolare resistenza al momento dell'esplosione della carica. L'otturatore è derivato da quello del BL 6 in, ma è tronco-conico invece che cilindrico, in modo da poter essere aperto lateralmente senza dover essere completamente estratto dalla culatta. La canna non ha orecchioni, ma degli occhielli sulla faccia inferiore della culatta sui quali si inseriscono i pistoni dei cilindri idraulici del freno di sparo ed i recuperatori idraulici per il ritorno in batteria del pezzo. Il Mark III, costruito dalla Armstrong, è simile al Mark I ma presenta gli orecchioni in modo da poter essere incavalcato sui vecchi affusti a lisce.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Major Darrell Hall, THE NAVAL GUNS IN NATAL 1899–1902, The South African Military History Society Military History Journal, n. 3 vol. 4, giugno 1978.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) [1]
  • Text Book of Gunnery, Londra 1902.
guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra