Pubbliche relazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Argomenti di marketing
Concetti chiave

Prodotto / Prezzo
Promozione / Distribuzione
Ricerche di mercato / Strategie di marketing
Marca / Brand management

Promozione

Pubblicità / Sales promotion
Personal sales / Mailing
Pubbliche relazioni / Direct marketing

Promozione: media
Giornali / Riviste

Televisione / Radio

Argomenti correlati

Comunicazione / Economia aziendale
Customer relationship management

Le relazioni pubbliche, note anche come Public relations o PR, sono tutte le attività di comunicazione il cui obiettivo sia sviluppare relazioni, mettere in comunicazione istituzioni, aziende, persone, strutture, con la loro utenza o clientela di riferimento. Si considera che siano state teorizzate per primo dal pubblicista statunitense di origine austriaca Edward Bernays.

I destinatari della comunicazione possono essere privati cittadini, istituzioni, aziende, organi di stampa, consumatori.

I diversi gruppi di destinatari della comunicazione vengono definiti pubblico. Gli studiosi classificano i diversi tipi di pubblico secondo criteri differenti. Ad esempio si può differenziare il pubblico interno (dipendenti, dirigenti) da quello esterno (mezzi di comunicazione, clienti, destinatari ecc.); oppure si può parlare di pubblico tradizionale e pubblico potenziale (categoria a cui ci si vorrebbe rivolgere)[1].

Oggi esistono nuove figure nelle "relazioni pubbliche": i social pubblic relations (SPR); questo è stato definito dall'agenzia di comunicazione e social media marketing TXF

Scopi?[modifica | modifica sorgente]

Lo scopo principale è di sostenere la reputazione dell'organizzazione che comunica, contribuendo alla creazione di una specifica identità. Per alcuni studiosi l'immagine è in rapporto diretto con l'identità dell'istituzione per cui la comunicazione non è altro che il riflesso fedele dell'identità che non si può inventare né costruire. Ad esempio Mora afferma: “un’organizzazione non fabbrica la propria immagine pubblica, ma la merita nella misura in cui l’immagine è riflesso della realtà”[2].

Le relazioni pubbliche possono essere utilizzate anche per raggiungere specifici obiettivi, come, ad esempio, la creazione di consenso intorno a una particolare iniziativa, il sostegno ai propri scopi o alle proprie iniziative, la commercializzazione dei propri prodotti e così via.

Le relazioni pubbliche sono uno strumento del marketing mix e contribuiscono alla promozione aziendale. Esistono appositi corsi di Laurea e master dedicati alla formazione di professionisti specializzati nelle pubbliche relazioni.

Così scrive Stuart Turner in "Pubbliche relazioni" Edizioni Armenia, Milano 1987: Pubbliche Relazioni sono lo sforzo deliberato e continuativo di stabilire e mantenere una reciproca comprensione tra un'organizzazione e il suo pubblico.

Come osserva Carlo Maiello in "L'arte di comunicare. Relazioni pubbliche" Edizioni Franco Angeli 1961, le pubbliche relazioni sono sempre esistite. In qualche modo sono stati e sono strumenti di relazioni pubbliche i salotti letterari, le società artistiche, i circoli culturali come il Circolo delle Dame Colte sorto a Napoli in epoca napoleonica.

Specialisti in pubbliche relazioni si possono trovare anche in posizioni dirigenziali elevate.

Relazioni con i media[modifica | modifica sorgente]

Ogni azienda che dia importanza alla propria reputazione pubblica crea al proprio interno un organismo che gestisce le relazioni con i media.

Oggi i nuovi mezzi d'informazione digitale possono produrre potenti effetti sulla reputazione aziendale. Per questo l'attività di relazioni con i media si è ampliata ai media online. Con l'avvento del world wide web e degli user generated content (contenuti generali dagli utenti), le relazioni pubbliche devono fornire alle aziende degli strumenti partecipativi digitali che permettano loro d'entrare in relazione con il pubblico di riferimento. Come ricorda Toni Muzi Falconi, i cosiddetti "Accordi di Stoccolma" hanno inoltre auspicato un passaggio da un sistema di comunicazione e gestione delle relazioni pubbliche "lineare", inserito nella catena del valore, ad un sistema "reticolare", circolare ed a network, in grado di coinvolgere tutte le più importanti funzioni aziendali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr., ad esempio: Seitel, Fraser (2006): The Practice of Public Relations, New Jersey, Prentice Hall, 10ª ed; Grunig, James (ed.) (1992): Excellence in Public Relations and Communication Management, New Jersey, Lawrence Erlbaurn.. Per Grunig, l’elemento che meglio descrive un pubblico è la condivisione di uno stesso problema: “problems define publics – afferma – more than publics define problems: a public is always a specific to a particolar situation or issue”.
  2. ^ Mora, Juan Manuel; Contreras, Diego; Carroggio, Marc (a cura di) (2007): Direzione strategica della comunicazione nella Chiesa, Roma, Edusc, p. 35

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]