Polivinildencloruro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polivinildencloruro
Formula di struttura
Nome IUPAC
poli(1,1-dicloroetene)
Abbreviazioni
PVDC
Nomi alternativi
Eonite, Saran
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare (C2H2Cl2)n
Numero CAS [9002-85-1]
Indicazioni di sicurezza

Il polivinildencloruro è il polimero ottenuto per polimerizzazione del 1,1-dicloroetene (anche detto "dicloruro di vinilidene").

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il polivinildencloruro fu scoperto casualmente nel 1933 da Ralph Wiley,[1] uno studente assunto dalla Dow Chemical come lavapiatti.[2] Wiley vide che tale materiale si era incrostato nella vetreria; in seguito i ricercatori della Dow Chemical utilizzarono tale materiale per realizzare film di Eonite e Saran.[3][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John W. Klooster, Icons of Invention: The Makers of the Modern World from Gutenberg to Gates, ABC-CLIO, 30 luglio 2009, pp. 466–, ISBN 978-0-313-34743-6. URL consultato il 12 luglio 2012.
  2. ^ a b David John Cole, Eve Browning e Fred E. H. Schroeder, Encyclopedia of Modern Everyday Inventions, Greenwood Publishing Group, 30 aprile 2003, p. 129, ISBN 978-0-313-31345-5. URL consultato il 12 luglio 2012.
  3. ^ Mary Bellis, Saran Wrap ® in inventors.about.com. URL consultato il 12 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]