Polisolfone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Formula di struttura del polisolfone.

Il polisolfone o polieteresolfone (o PSU) è un materiale termoplastico ad elevata robustezza.

Viene impiegato come dielettrico nei condensatori, e per la produzione di membrane artificiali. Viene utilizzato anche nella produzione di biberon e contenitori per alimenti, grazie alla sua atossicità.

Alcune tra le aziende fornitrici sono: Solvay Advanced Polymers, BASF, HOS-Technik e PolyOne Corporation

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Un tipico polisolfone viene prodotto facendo reagire difenolo e bis(4-clorofenil)solfone, con la formazione di polietere tramite eliminazione di cloruro di sodio:

n HOC6H4OH + n (ClC6H4)2SO2 + n Na2CO3 → [OC6H4OC6H4SO2C6H4]n + 2n NaCl + n H2O + n CO2

Il difenolo utilizzato è in genere bisfenol-A oppure 1,4-diidrossibenzene. Tale polimerizzazione a stadi richiede un monomero ad elevata purezza per la produzione di prodotti ad alto peso molecolare.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David Parker, Jan Bussink, Hendrik T. van de Grampel, Gary W. Wheatley, Ernst-Ulrich Dorf, Edgar Ostlinning, Klaus Reinking, "Polymers, High-Temperature" in Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry 2002, Wiley-VCH: Weinheim. DOI: 10.1002/14356007.a21_449

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]