Pithecia irrorata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pitecia calva
Pithecia irrorata -Brazil-8a-1c.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Pitheciinae
Genere Pithecia
Specie P. irrorata
Nomenclatura binomiale
Pithecia irrorata
Gray, 1842

La pitecia calva (Pithecia irrorata Gray, 1845) è un primate platirrino della famiglia dei Pitecidi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Con due sottospecie (Pithecia irrorata irrorata e Pithecia irrorata vanzolinii) questo animale vive nella zona di confine fra Bolivia settentrionale (dipartimenti di Pando e Beni) e Brasile centro-occidentale, fra i fiumi Tapajós e Madeira. Colonizza le aree di foresta pluviale primaria.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura circa novanta centimetri di lunghezza, dei quali la metà spetta alla coda, per un peso di circa 3 kg.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il pelo, lungo e setoloso, è uniformemente nero (nei maschi) o brunastro (nelle femmine) su tutto il corpo: sulla calotta cranica, tuttavia, è presente una macchia bianca (da cui l'aggettivo "calva" nel nome comune della specie) dalla quale si diramano delle scie di pelo biancastro che raggiungono i lati del collo e la gola, come se sulla testa dell'animale fosse stato versato del latte che sia poi colato ai lati del corpo (da cui il nome scientifico irrorata). La faccia è seminuda e violacea, mentre la coda, non prensile, è ricoperta di pelo scuro.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali diurni ed arboricoli, che vivono in gruppetti familiari formati da una coppia riproduttrice e dai propri figli di varie età, frutto di differenti parti: le coppie sono perlopiù rigorosamente monogame e durano fino alla morte di uno dei due esemplari.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i Pitheciinae, questi animali si sono nel tempo specializzati nel nutrirsi di frutta ancora immatura, della quale mangiano sia la polpa che i semi: in questo modo azzerano la competizione con la maggior parte degli animali frugivori, che si nutrono perlopiù di frutta ben matura. Dovendo fare i conti con le scorze coriacee dei frutti acerbi, queste pitecie hanno sviluppato muscoli mandibolari assai forti e denti solidi ed aguzzi che servono a scalfire l'involucro del frutto, in modo tale da poter accedere all'interno. In caso di scarsità di frutta, questi animali ripiegano su foglie, fiori ed invertebrati.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi