Peter Frederick Strawson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Peter Frederik Strawson (23 novembre 191913 febbraio 2006) è stato un filosofo inglese, tra i massimi esponenti della filosofia analitica.

Nominato lecturer al University College, Oxford, nel 1947, è stato tutorial fellow dal 1948 al 1968 e quindi Waynflete Professor of Metaphysical Philosophy presso la University of Oxford (Magdalen College) sino al 1987. Autore di importanti scritti su Kant, si è occupato anche di logica, filosofia del linguaggio e metafisica. Particolarmente nota e influente è la sua distinzione tra "metafisica descrittiva" e "metafisica correttiva": la prima si occuperebbe di «descrivere l’effettiva struttura del nostro pensare sul mondo»; la seconda di «produrre una struttura migliore» (Individuals, introduzione).

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Introduction to Logical Theory, 1952. Trad. it. Introduzione alla teoria logica, Einaudi, Torino 1961
  • Individuals: An Essay in Descriptive Metaphysics, 1959. Trad. it. Individui. Saggio di metafisica descrittiva, Feltrinelli-Bocca, Milano 1978
  • The Bounds of Sense: An Essay on Kant's Critique of Pure Reason, 1966. Trad. it. Saggio sulla Critica della ragion pura di Kant, Laterza, Roma-Baril 1985
  • Logico-Linguistic Papers, 1971
  • Freedom and Resentment and other Essays, 1974
  • Subject and Predicate in Logic and Grammar, 1974
  • Skepticism and Naturalism: Some Varieties, 1985
  • Analysis and Metaphysics, 1992
  • Entity and Identity, 1997

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • E. Riverso, Riferimento e struttura. Il problema logico-analitico e l’opera di Strawson, Armando, Roma 1977
  • R. Corvi, La filosofia di P. F. Strawson, Vita e Pensiero, Milano, 1979

Controllo di autorità VIAF: 51696277 LCCN: n80030830

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie