Perchtoldsdorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Perchtoldsdorf
comune
Perchtoldsdorf – Stemma
Veduta con la Chiesa di Sant'Agostino
Veduta con la Chiesa di Sant'Agostino
Localizzazione
Stato Austria Austria
Land Flag of Lower Austria (state).svg Bassa Austria
Distretto Mödling
Amministrazione
Sindaco Martin Schuster (ÖVP)
Territorio
Coordinate 48°07′N 16°16′E / 48.116667°N 16.266667°E48.116667; 16.266667 (Perchtoldsdorf)Coordinate: 48°07′N 16°16′E / 48.116667°N 16.266667°E48.116667; 16.266667 (Perchtoldsdorf)
Altitudine 265 m s.l.m.
Superficie 12,6 km²
Abitanti 14 531 (2011)
Densità 1 153,25 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 2380
Prefisso 01
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Austria
Perchtoldsdorf
Sito istituzionale

Perchtoldsdorf è un comune austriaco di 14.531 abitanti[1] del distretto di Mödling nello stato della Bassa Austria. Si trova circa 16 km a sud-ovest di Vienna.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel miocene l'area era bagnata dalle acque della paratetide, condizione accertata dal ritrovamento di numerosi fossili di creature marine. Inoltre la presenza di fossati circolari suggerisce che i primi insediamemti umani sul posto risalgano al VI millennio a.C..

Medioevo[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Perchtoldsdorf venne probabilmente edificato prima dell'anno 1000 come parte di una catena di fortificazioni a difesa del margine orientale della selva Viennese. In un documento del 1138, quando il territorio apparteneva alla Marca d'Austria controllata della dinastia dei Babenberg, viene citato un Heinricus de Pertoldesdorf. I margravi Babenberg avevano il compito di difendere le regioni conquistate ai magiari per conto degli imperatori ottoniani e salici; i loro vassalli Perchtoldsdorf continuarono ad amministrare il castello anche dopo il 1246, anno d'estinzione della casata. Nel 1286 con la morte di Otto von Perchtoldsdorf, la fortezza passò agli Asburgo che a partire dalla battaglia di Marchfeld del 1278 erano i sovrani incontestati del Ducato d'Austria. In questo periodo il borgo ottenne il riconoscimento di città di mercato e venne utilizzato come residenza per le vedove degli Asburgo. La duchessa Beatrice istituì un ospedale nel 1407, ora demolito, e una chiesa annessa tuttora esistente.

XV - XVII secolo[modifica | modifica sorgente]

Il conflitto tra l'imperatore Federico III e il fratello minore l'arciduca Alberto VI diede origine ad un periodo di instabilità nella regione. Nel 1446 molte case della città vennero bruciate durante l'invasione del reggente d'Ungheria János Hunyadi. Durante questo periodo il castello fu occupato da varie forze rivali, tra cui dei mercenari del re di Ungheria tra il 1477 e il 1490, anno in cui Massimiliano I d'Asburgo ripristinò il dominio asburgico sulla zona. Questo periodo turbolento interruppe la costruzione della casatorre (Wehrturm), iniziata nel 1450 e che finì intorno al 1521. Questa torre, con i suoi 60 metri di altezza, insieme ad altre fortificazioni consentì alla città di difendersi con successo dalle truppe turche che assediarono Vienna nel 1529. Tuttavia a partire dal luglio 1683, alla viglia della battaglia di Vienna, una seconda ondata di assalti turchi distrusse la città, uccidendo e riducendo in schiavitù gli abitanti.

Economia[modifica | modifica sorgente]

In tempi moderni, la città è diventata una meta turistica per la vicina selva Viennese. Si continua tuttora inoltre una lunga storia di viticoltura e vinificazione, come principale prodotto agricolo.

Personaggi famosi[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://sdb.statistik.at/statistik.at/ext/superweb/loadDatabase.do?db=def0743