Città di mercato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con città di mercato (in inglese market town) s'intende un borgo o una città che, secondo il diritto europeo medievale, aveva ottenuto il diritto a tenere un mercato. I comuni con diritto di mercato si diffusero in Inghilterra, Scandinavia e in tutta l'area germanica. Anche in Francia i bourgs (borghi) vennero a coincidere con il concetto di città di mercato.

In Norvegia la città di mercato (kjøpstad dal norreno kaupstaðr) aveva dei privilegi concessi dal re o dall'autorità e consentiva ai cittadini di avere un monopolio sulla compravendita di beni e altre attività, nella città stessa o nel contado.

Nell'area germanica il concetto di città di mercato (chiamati comuni mercato) è ancora attuale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A Revolution from Above; The Power State of 16th and 17th Century Scandinavia, ed. Leon Jesperson, Odense University Press, Danimarca, 2000