Partito Popolare Cristiano (Perù)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Popolare Cristiano
LOGOPPC.jpg
Leader Lourdes Flores Nano
Stato Perù Perù
Fondazione 28 luglio 1957
Sede Av. Alfonso Ugarte 1484, Breña Lima
Ideologia Cristianesimo democratico,
Centrismo
Collocazione Centro
Coalizione Unidad Nacional
Affiliazione internazionale Internazionale Democratica Centrista
Unione Democratica Internazionale
Seggi 17/120
Sito web www.ppc.pe

Il Partito Popolare Cristiano (Spagnolo: Partido Popular Cristiano) o PPC è un partito politico peruviano di centro basato sulla dottrina social-cristiana nato da una scissione della Democrazia Cristiana Peruviana nel 1966, guidato da Luis Bedoya Reyes.

Inizialmente il partito nacque a seguito della crisi politica che colpì il Perù negli anni 60, caratteriizato da rivoluzioni sociali frutto del malessere delle fasce di popolazione meno abbienti, per difendere gli interessi della borghesia peruviana minacciata dai partiti della sinistra e anche dalla stessa DC che si era avvicninata su posizioni progressiste. Il partito era quindi schierato su posizioni di centrodestra per poi gradualmente oscillare tra il centro e la destra. In realtà il partito nel periodo tra la sua fondazione e la finne degli anni '80 era considerato come quello più a destra di tutti perché gli altri partiti principali del paese, Partido Aprista (populista) e l'Azione Popolare (centro umanista).

Con l'avvento del governo autoritario di Alberto Fujimori, fautore di una riforma liberista in campo economico, il PPC si è spostato verso il centro. Negli ultimi anni è rimasto all'opposizione sia al governo di centrodestra di Alejandro Toledo sia quello di Alan García (ex presidente di sinistra degli anni '80 che ha proposto un programma liberale-conservatore) cercando di spostarsi su posizioni di centro sia in campo economico che in campo sociale. Il partito è guidato da Lourdes Flores Nano e sotto la sua gestione il partito alleato con altre formazioni di centro e centrodestra ha ottenuto risultati positivi, intorno al 24% ma per ben due volte la leader è rimasta fuori dal ballottaggio per poche migliaia di voti.

Attualmente è parte integrante della coalizione Unidad Nacional.

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica