Paolo Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Viola (Roma, 1948Palermo, 11 novembre 2005) è stato uno storico italiano, specializzato in storia della rivoluzione francese e della formazione degli stati nazione in Europa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha insegnato all'Università della Calabria, alla Scuola Normale di Pisa e, dal 1991, all'Università di Palermo. Si laurea alla Normale con una tesi sulla rivoluzione francese, sotto la guida di Albert Soboul. Caratteristica dei lavori di Viola è un'interpretazione del processo rivoluzionario come trasferimento della sovranità, dal monarca per diritto divino alla nazione, primo grande passo verso le moderne democrazie. Molto importante è inoltre il suo contributo all'analisi del meccanismo del terrore, e del terrorismo come strumento di lotta politica.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Il Terrore; Sansoni, Scuola Aperta, (1975)
  • Il trono vuoto. La transizione della sovranità nella rivoluzione francese, Einaudi (1989)
  • La crisi dell'antico regime; Donzelli, (1993)
  • È legale perché lo voglio io; Laterza, (1994)
  • (con Adriano Prosperi) Storia moderna e contemporanea; Einaudi, (2000)
  • L'Europa moderna. Storia di un’identità; Einaudi,(2004)
  • Introduzione agli studi di storia (con Pietro Corrao), Donzelli, (2005)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Notizia della morte sul Corriere della Sera