Olio combustibile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'olio combustibile appartiene alla categoria dei distillati pesanti ottenibili dal petrolio, e possiede una densità a 15 °C intorno a 980 kg/m3. Può essere prodotto da cracking o straight-run, a seconda che sia prodotto da un impianto di cracking o dal topping.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

La percentuale di olio combustibile che risulta dalla lavorazione di un litro di petrolio varia a seconda della complessità della raffineria e del tipo di greggio di partenza.

Gli impieghi principali dell'olio combustibile sono tre: come combustibile per la produzione di energia elettrica; come combustibile per le navi (bunker); come alternativa marginale al petrolio per le raffinerie, in caso di margini di raffinazione negativi al topping. In quest'ultimo caso, l'olio combustibile è straight-run. A livello industriale ci si riferisce ad esso con il termine di "olio numero 2", e per differenziarlo dal gasolio per autotrazione viene aggiunto il SY124 o "Euromarker" dal 2002 nell'Unione Europea. Sul mercato internazionale la prima macro suddivisione tra i vari oli combustibili è in base al contenuto di zolfo. Vengono distinti gli oli combustibili BTZ (basso tenore di zolfo) con una percentuale al di sotto dell'1% e oli combustibili ATZ (alto tenore di zolfo) con percentuale di zolfo oltre l'1%.

Potere calorifico[modifica | modifica sorgente]

L'olio combustibile produce 41,022 MJkg equivalenti a 38.886 BTU per chilogrammo.

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia