Oedipoda caerulescens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oedipoda caerulescens
Oedipoda caerulescens MHNT.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Polyneoptera
Sezione Orthopteroidea
Ordine Orthoptera
Sottordine Caelifera
Superfamiglia Acridoidea
Famiglia Acrididae
Sottofamiglia Oedipodinae
Genere Oedipoda
Specie O. caerulescens
Nomenclatura binomiale
Oedipoda caerulescens
(Linnaeus, 1758)

Oedipoda caerulescens (Linnaeus, 1758) è un insetto ortottero della famiglia Acrididae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Blauflügelige Ödlandschrecke 01 (HS).jpg

Questa cavalletta misura approssimativamente tra 1,5 e 2,8 cm. Presenta una livrea di colore dall'ocra al grigio, altamente mimetica, con tegmine con tre bande trasversali scure molto evidenti. Le ali posteriori sono di colore azzurro brillante.[2]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo riproduttivo corrisponde con la stagione estiva. La deposizione delle uova avviene sul terreno e le ninfe escono nella primavera successiva mutandosi in adulti. Si alimentano di diversi tipi di erba, e sono quindi fitofagi. In Italia è presente anche un'altra specie comune con le ali posteriori rosse invece che azzurre, l'Oedipoda germanica, di dimensioni maggiori.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa cavalletta è diffusa nell'Europa meridionale e centrale. Si trova anche in Asia minore e nel Nord Africa.[2]

Si può osservare su terreni aridi e assolati, con vegetazione diradata e sulle pietraie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.C. Eades, D. Otte, M.M. Cigliano e H. Braun, Oedipoda caerulescens (Linnaeus, 1758) in Ortoptera Species File Online. Version 5.0/5.0. URL consultato il 20 settembre 2012.
  2. ^ a b Fontana P., F.M. Buzzetti, A. Cogo, B. Odè, Cavallette, grilli, mantidi e insetti affini del Veneto - Guide Natura/1, Vicenza, Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza, 2002, p.436, ISBN 8890018437.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi