Narcisse-Achille de Salvandy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Narcisse-Achille de Salvandy ritratto da Paul Delaroche. Parigi, museo del Louvre

Narcisse-Achille de Salvandy (Condom, 11 giugno 1795Graveron, 15 dicembre 1856) è stato un politico francese, membro dell'Académie française, nella quale ha occupato il seggio numero 1 dal 1835 al 1856[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Condom da un'umile famiglia di origine irlandese, nel 1813 si arruolò nell'esercito e l'anno successivo entrò a far parte dei moschettieri neri di Luigi XVIII. Il suo pamphlet patriottico La Coalition et la France, pubblicato nel 1816, attirò l'attenzione di Élie Decazes, che gli affidò l'incarico di diffondere le sue idee sulla stampa e successivamente di ingaggiare una dura battaglia contro il governo di Jean-Baptiste Guillaume Joseph, conte di Villèle. Durante la Monarchia di Luglio, dal 1830 al 1848, fece parte, quasi in maniera ininterrotta, della Camera dei deputati, fra le file del partito conservatore. Ministro dell'Istruzione nel governo di Louis-Mathieu Molé, fra il 1837 e 1839, e ancora una volta nel 1845, fu chiamato a sovrintendere la ricostituzione del Consiglio dell'Istruzione, la fondazione della Scuola francese di Atene e la rinascita del'École nationale des chartes. Per brevi periodi, fra il 1841 e il 1843, fu ambasciatore a Madrid e Torino, e nel 1835 su eletto all'Académie française, nella quale occupò il seggio numero 1. Con l'instaurazione del Secondo Impero, nel 1852, si ritirò a vita privata e quattro anni dopo morì.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Narcisse-Achille de SALVANDY (1795-1856), Académie française. URL consultato il 10 giugno 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) La scheda sul sito dell'Académie française
Predecessore Seggio 1 dell'Académie française Successore
François-Auguste Parseval-Grandmaison 1835 - 1856 Émile Augier

Controllo di autorità VIAF: 39510411 LCCN: n88101076