Naomi Kawase

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Naomi Kawase

Naomi Kawase (河瀬 直美 Kawase Naomi?) (Nara, 30 maggio 1969) è una regista, sceneggiatrice, montatrice, direttrice della fotografia e produttrice cinematografica giapponese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'infanzia, Naomi Kawase fu abbandonata dai genitori e affidata ai nonni materni.[1] Studiò fotografia alla Ōsaka School of Photography, dove si laureò nel 1989.[2] Successivamente vi insegnò per quattro anni.[3]

Tra il 1988 e il 1997 girò alcuni cortometraggi, mediometraggi e documentari autobiografici. Il suo primo lungometraggio fu il dramma Moe no suzaku, diretto nel 1997, che vinse la Caméra d'or al 50º Festival di Cannes.[4] Nel 2007 diresse Mogari No Mori, che vinse il Grand Prix Speciale della Giuria al 60º Festival di Cannes.[5] Viene scelta come membro della giuria per i film in concorso al Festival di Cannes 2013.

Estetica e stile[modifica | modifica wikitesto]

La tematica principale presente nelle opere di Naomi Kawase è quella, autobiografica, della continua ricerca di un parente da parte dei protagonisti delle sue pellicole.[1] I suoi cortometraggi, lungometraggi e documentari sono una sorta di videodiario, in cui l'autrice presenta le sue vere fotografie e ripete con insistenza il proprio nome.[1]

La Kawase, in kimono rosso, tra gli altri membri della giuria al Festival di Cannes 2013

Premi e riconoscimenti[6][modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[1][modifica | modifica wikitesto]

Regie[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Watashi wa kyomi wo motta mono wo okiku fix de kiritoru (1988)
  • My J-W-F (1988)
  • Watashi ga iki to kakawatte ikō to suru jibutsu no gutaika (1988)
  • Papa no sofuto kuriimu (1988)
  • Tatta hitori no kazoku (1989)
  • Ima (1989)
  • Chiisana okisa (1989)
  • Megamitachi no pan (1990)
  • Kōfuku modoki (1991)
  • Ten mitake (1995)
  • Kaze no kyoku-1995.12.26 Shibuya ni te (1995)
  • Kage (2004)
  • Tarachime (2006)
  • Sakura nagashi (2012); videoclip

Mediometraggi e documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Ni tsutsumarete (1992)
  • Shiroi tsuki (1993)
  • Katatsumori (1994)
  • Utsushiyo (1996)
  • Tayutau ni kokyō- Hitorigurashi wo hajimete, sannenme no aki ni (1999)
  • Kyakarabaa (2001)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Kawase Naomi profilo. URL consultato il 28 aprile 2009.
  2. ^ Minibiografia di Naomi Kawase. URL consultato il 28 aprile 2009.
  3. ^ Naomi Kawase. URL consultato il 28 aprile 2009.
  4. ^ (EN) Awards 1997, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011.
  5. ^ (EN) Awards 2007, festival-cannes.fr. URL consultato l'11 luglio 2011.
  6. ^ Awards for Naomi Kawase. URL consultato il 28 aprile 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Roberta Novelli, Kawase Naomi. I film, il cinema, Torino, Effatà Editrice, 2002, ISBN 978-88-7402-012-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 115767946 LCCN: n2002040182