Mysateles garridoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hutia di Garrido
Immagine di Mysateles garridoi mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Hystricomorpha
Infraordine Hystricognathi
Parvordine Caviomorpha
Superfamiglia Octodontoidea
Famiglia Capromyidae
Genere Mysateles
Specie M. garridoi
Nomenclatura binomiale
Mysateles garridoi
(Varona, 1970)
Sinonimi

Capromys garridoi
Varona, 1970

L'hutia di Garrido (Mysateles garridoi (Varona, 1970))[2] è un roditore appartenente alla famiglia Capromyidae, endemico di Cuba e forse persino estinto.[3]

La specie è presente nelle isole del banco de los jardins y jardinillos dell'arcipelago di Canarreos, a Cuba e sull'isola della Gioventù. Nel 1970 un esemplare è stato catturato a Cajos Maja, nel sud di Cuba. Nel 1989 altri due esemplari sono stati trovati nello stesso luogo. L'attività umana in queste zone è in aumento e la specie potrebbe essersi estinta verso gli anni novanta.[senza fonte].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Soy, J. & Silva, G., 2008, Mysateles garridoi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Varona, L. S., Nueva especie y nuevo subgénero de Capromys (Rodentia: Caviomorpha) de Cuba in Poeyana (Academia de Ciencias de Cuba), vol. 73, 1970, pp. 1-18.
  3. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mysateles garridoi in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nowak, R. M., Walker's Mammals of the World, Baltimore, USA and London, UK, The Johns Hopkins University Press, 1999.
  • Woods, C. A. and Kilpatrick, C. W., Infraorder Hystricognathi. In: D. E. Wilson and D. M. Reeder (eds), Mammal Species of the World, Baltimore, MD, USA, The Johns Hopkins University Press, 2005, pp. 1538-1599.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]