Mingus Mingus Mingus Mingus Mingus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mingus Mingus Mingus Mingus Mingus
Artista Charles Mingus
Tipo album Studio
Pubblicazione 1963
Durata 45:39
Dischi 1
Tracce 8
Genere Jazz
Etichetta Impulse!
Produttore Bob Thiele
Registrazione 20 settembre & 20 gennaio 1963
Charles Mingus - cronologia
Album successivo
(1963)

Mingus Mingus Mingus Mingus Mingus è un album discografico del 1963 del musicista jazz statunitense Charles Mingus.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Molte delle tracce di questo album erano già state incise in precedenza, con titoli diversi, su altri dischi. Per esempio:

  1. Theme for Lester Young – incisa come Goodbye Pork Pie Hat in Mingus Ah Um
  2. II B.S.Haitian Fight Song in Plus Max Roach e The Clown (registrata anche come Hog Callin' Blues in Oh Yeah)
  3. FreedomFreedom in Epitaph
  4. Better Get Hit in Yo' SoulBetter Git It in Your Soul in Mingus Ah Um (cpnosciuto anche come Better Git Hit in Your Soul in Mingus at Antibes)
  5. Hora DecubitusE's Flat, Ah's Flat Too in Blues & Roots
  6. I X LoveDuke's Choice in A Modern Jazz Symposium of Music and Poetry.[1][2][3]

Freedom[modifica | modifica wikitesto]

Freedom, di Charles Mingus (estratto)

This mule ain't from Moscow,
this mule ain't from the South.
But this mule's had some learning,
mostly mouth-to-mouth.

L'espressione «This mule ain't from Moscow», può essere un riferimento al "Moscow Mule", un drink composto da vodka e birra ginger molto popolare negli anni cinquanta, ma può anche riferirsi agli schiavi afroamericani spesso definiti "muli" da soma.

Mingus fece altre canzoni con testi in "poesia parlata":

  • Scenes in the City
  • The Chill of Death
  • The Clown
  • Weary Blues (testo recitato da Langston Hughes).

Varie altre composizioni di Mingus hanno un testo vero e proprio:

  • Fables of Faubus
  • Oh Lord, Don't Let Them Drop That Atomic Bomb on Me
  • Devil Woman

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le tracce sono opera di Charles Mingus, eccetto dove indicato.

  1. II B.S. – 4:46
  2. I X Love – 7:38
  3. Celia – 6:12
  4. Mood Indigo (Duke Ellington/Barney Bigard) – 4:43
  5. Better Get Hit in Yo' Soul – 6:28
  6. Theme for Lester Young – 5:50
  7. Hora Decubitus – 4:41
  8. Freedom – 5:10
  • Alcune edizioni dell'album come la numero di catalogo AS-54-B della Impulse Records, contengono una diversa scaletta dei brani, che non comprende la traccia Freedom.

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

Tracce 1, 4-8, registrate a New York il 20 settembre 1963:

Tracce 2 e 3, registrate a New York il 20 gennaio 1963:

  • Bob Hammer - Arrangiamento musicale
  • Bob Thiele - Produttore
  • Michael Cuscuna - Produzione ristampa
  • Bob Simpson - Ingegnere del suono
  • Erick Labson - Rimasterizzazione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gene Santoro, Myself when I Am Real, New York, Oxford University Press US, 2000, p. 413, ISBN 0-19-514711-1.
  2. ^ Kenny Mathieson, Giant Steps, Canongate US, 1999, p. 217, ISBN 0-86241-859-3.
  3. ^ Conversely, Nat Hentoff identifica Nouroog come precursore di I X Love.
Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Jazz