Mario Baldassarri (matematico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Baldassarri (Padova, 27 agosto 1920Padova, 28 settembre 1964) è stato un matematico italiano.

Dopo la laurea in matematica nel 1941 nel 1946 divenne assistente e quindi professore presso l'Università di Padova. Nel 1953 insegnò geometria a Catania e nel 1954 a Ferrara, da dove quindi tornò a Padova.

La sua ricerca si tradusse in 32 pubblicazioni scientifiche, tra le quali si ricordano una condizione caratteristica perché un sistema algebrico di varietà ammetta una unisecante, in cui si utilizzano strumenti algebrico-topologici all'epoca poco diffusi. Nell'opera "Algebraic varieties" del 1956, espose l'evoluzione della Geometria algebrica. Dal 1960 si occupò di matematica applicata e in particolare di programmazione lineare, di ricerca operativa, della teoria dell'ottimizzazione e dell'utilizzo della matematica nella sociologia.

Creò presso l'università di Padova il "Centro di matematica applicata".

Fu socio dell'Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti e dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morin U.,: Mario Baldassarri, in Annuario dell'Università di Padova, 1966 - 1967, pp. 1-12.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]