Luigi Groto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miniatura di Luigi Groto tratta da La vita di Luigi Grotto, cieco d'Adria.

Luigi Groto, detto il Cieco d'Adria (Adria, 8 settembre 1541Venezia, 13 dicembre 1585), è stato un drammaturgo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di nobili origini, nacque cieco e da qui si originò il suo soprannome. A soli 14 anni tenne un'orazione per il neodoge Lorenzo Priuli. In seguito diventò membro di varie Accademie letterarie, tra le quali anche l'adriese Accademia di Umane Lettere fondata nel XV secolo, ed istituendo una propria scuola, l'Accademia degli Illustrati.[1]

Nella maturità affinò l'arte letteraria componendo numerose poesie, scrivendo commedie, traducendo opere dal greco venendo inoltre convocato in qualità di oratore.[1] Nel 1567 fu processato come eretico per aver letto Erasmo da Rotterdam e Bernardino Ochino e fu dunque escluso da ogni sorta di insegnamento.

In seguito si fece carico di perorare presso il doge Pietro Loredan l'esigenza di una bonifica del territorio con l'incanalamento dell'alveo del Po[1] in quello che diverrà il Taglio di Porto Viro[2].

Nell'ultima parte della sua vita abbracciò l'idea di cessare i componimenti, ma presto la sua opinione cambiò nuovamente. Morì nel 1585 per un improvviso attacco di pleurite.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Isach (1558)
  • Innamoramento d'amore (1557)
  • La Dalida (1573)
  • Il pentimento amoroso (1576) - dramma pastorale
  • Hadriana (1578) - tragedia (narra la vicenda di Romeo e Giulietta)
  • Calisto (1583) - dramma pastorale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il Veneto paese per paese, Vol. 1, p.22.
  2. ^ Primi progetti per il taglio di PortoViro in Parco del Delta del Po, http://www.parchideltapo.it/. URL consultato il 20 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 24680463 LCCN: n83230020