Luc-Julien-Joseph Casabianca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luc-Julien-Joseph Casabianca
Il capitano di vascello Casabianca
Il capitano di vascello Casabianca
7 febbraio 1762 - 1º agosto 1798
Nato a Vescovato, Francia
Morto a Baia di Abū Qīr, Egitto
Dati militari
Paese servito Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia
FranciaPrima Repubblica francese
Forza armata Marine royale
Marine révolutionnaire française
Arma Marina
Anni di servizio 1775-1798
Grado Capitano di vascello
Guerre Guerra di indipendenza americana
Guerre rivoluzionarie francesi
Battaglie battaglia della baia di Chasepeake
Battaglia del Nilo
Comandante di L'Orient

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Luc-Julien-Joseph Casabianca (Vescovato, 7 febbraio 1762Abukir, 1º agosto 1798) è stato un militare francese, capitano di vascello della Marina militare francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Luc-Julien Joseph Casabianca nacque a Vescovato Corsica,[1] il 7 febbraio 1762,[1] figlio del Maréchal de camp Giovan Quilico de Casabianca[2] e di Cecca Colonna-Ceccaldi (vedova di Pietro Galeazzini). Di fronte alla scelta di intraprendere la la carriera militare optò per la Marine royale, venne fu ammesso all'Accademia Militare nel giugno 1775, imbarcandosi sulla fregata La Gracieuse. Promosso guardiamarina nel luglio 1778[1] e sottotenente di vascello nel novembre 1781, servì dapprima sul vescello Terrible e poi sul Zelé[1] della squadra dell'ammiraglio De Grasse, impegnata nella guerra d'Indipendenza degli Stati Uniti.[3] Prese parte ai combattimenti di Fort Royal, il 29 aprile 1781, della baia di Chesapeake,[1] il 5 settembre dello stesso anno, e di Saint-Christophe (gennaio 1782). Durante un periodo di congedo in Corsica nel 1784 convolò a nozze con Orsola Felice Raffalli de Vescovato, unendo così le grandi famiglie del nord dell'isola. Da questa unione nacquero due figli, Faustine nel 1785 e Giocante il 24 agosto 1787 di cui egli avrà la custodia dopo il divorzio del 1794.

Tenente di vascello nel marzo 1786,[1] ritornò in Corsica nel 1789, dove aderì al movimento che portò alla fine della monarchia assoluta, e alla costituzione dapprima degli Stati Generali, poi dell'Assemblea Nazionale francese,[1] e quindi dell'Assemblea Nazionale Costituente. Fu eletto deputato della Corsica alla Convenzione nel settembre 1792. Aderì ai Montagnardi ed entrò nel Comitato per la Marina, il 21 settembre 1792 votò a favore dell'abolizione della monarchia e l'instaurazione della prima repubblica. Fu favorevole all'arresto[1] e alla detenzione del re[1] Luigi XVI ma, sebbene Giacobino, diede prova di opinioni moderate, e non votò a favore della condanna a morte di Luigi XVI. Venne promosso capitano di vascello nel gennaio 1793.[1] Deputato al Consiglio dei Cinquecento sotto il Direttorio, si dedicò alla riorganizzazione della Marina che lo reintegrò in servizio nel maggio 1798.[1] Nominato subito capo di divisione,[3] servì come capitano di vascello nella squadra del Mediterraneo. Divenne aiutante di bandiera dell'ammiraglio Brueys, e comandante del vascello a treponti da 120 cannoni l'Orient,[1] durante la spedizione in Egitto. Durante la navigazione la nave fece scalo a Bastia il tempo necessario ad imbarcare il giovane figlio di undici anni.[4] Durante la Battaglia del Nilo, il 1º agosto 1798, dove, dopo aver compiuto prodigi di valore, perì nell'esposione della nave.[5] Il vascello infatti prese fuoco a causa dell'imprudente verniciatura ordinata dall'ammiraglio quello stesso mattino.[5] La vernice fresca si incendiò a causa del calore emanato dalle esplosioni, dando luogo ad un incontrollabile incendio[5] che raggiunse la santabarbara del vascello.[5] L'esplosione fu così potente che fu udita fino al Il Cairo.[6] Suo figlio Giocante, un ragazzo di undici anni, rifiutò di mettersi in salvo e preferì perire con suo padre.[7] Il vascello si inabissò portando con sé l'ammiraglio Brueys, ii capitano Casabianca, e quasi mille uomini del suo equipaggio.[8]

Navi con il suo nome[modifica | modifica sorgente]

  • una djerme, veliero armato sul Nilo (1798)
  • un avviso a ruote (1859-1877).
  • un avviso-torpediniere classe d'Iberville (1895-1915)
  • un sottomarino classe Redoutable (1936-1952)
  • un cacciatorpediniere di squadra Type 47 (1954-1983)
  • un sottomarino d'attacco nucleare classe Rubis (1984-)

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

La poetessa Felicia Dorothea Hemans ha fatto della morte di Giocante Casabianca l'argomento di una sua poesia, Casabianca, che è divenuta un classico della letteratura americana, studiata nelle classi primarie anglosassoni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Callo, Wilson 2004, p. 59
  2. ^ Che ebbe un ruolo importante nella storia della Corsica.
  3. ^ a b Frasca 2008, p. 230
  4. ^ prima di imbarcarsi egli baciò la madre, che non lo rivide mai più.
  5. ^ a b c d Frasca 2008, p. 226
  6. ^ Secondo alcune voci circolate all'epoca era stato Casabianca, alla morte dell'ammiraglio Brueys, ad incendiare la nave per non consegnarla agli inglesi.
  7. ^ Secondo alcune fonti il padre aveva ordinato al ragazzo di non muoversi dal suo posto fino a che egli non fosse andato a prenderlo, ma ferito alla testa era stato impossibilitato a farlo, e il giovane Casabianca, seppur sollecitato, aveva rifiutato di abbandonare il proprio posto perendo nell'esplosione della nave.
  8. ^ Donolo 2012, p. 113 , i superstiti salvati dalle navi inglesi furono all'incirca settanta, su un equipaggio di 1.010 uomini

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Joseph F. Callo, Alastair Wilson, Who's Who in Naval History: From 1550 to the present, Abingdon, Routledge, 2004. ISBN 0-20301-351-4.
  • (IT) Luigi Donolo, Il Mediterraneo nell'Età delle rivoluzioni 1789-1849, Pisa, Pisa University Press, 2012. ISBN 978-88-6741-004-0.
  • (IT) Francesco Frasca, Il potere marittimo in età moderna, da Lepanto a Trafalgar, Londra, Lulu Enterprises Ltd, 2008. ISBN 978-1-84799-550-6.
  • (EN) Gregory Fremont-Barnes, Nile 1798. Nelson's first great victory, Botley, Oxford, Osprey Publishing Midland House, 2011. ISBN 978-1-84603-580-7.
  • (EN) August Konstam, Horatio Nelson: Leadership - Strategy - Conflict, Botley, Oxford, Osprey Publishing Midland House, 2011. ISBN 1-84908-495-5.
  • (FR) Charles Mullié, Biographie des célébrités militaires des armées de terre et de mer de 1789 à 1850. Tomo I, Paris, Poignavant et Comp., Éditeurs, 1852.
  • (FR) Stefano Egidio Petronj, Joseph Lavallée, Actions navales de la Gran Bretagne, depuis Alfred le Grand jusqu'a nos jours, London, Schulze et Dean, 1815.
  • (FR) Charles Rouvier, Histoire des Marins Francaise sous la Republique (1789-1803), Paris, Arthus Bertrand Editeur, 1868.
  • (FR) Société des Militaires, Victoires, conquêtes, désastres, revers et guerres civiles des Français. Tomo XV, Paris, Imprimerie C.L.F. Panckoucke, 1830.
  • (FR) Jean Marc (a cura di) Van Hille, Dictionnaire des marins francs-maçons, gens de mer et professions connexe, Nantes, Le Phare de Misaine, 1868.

Riviste[modifica | modifica sorgente]

  • (IT) Giuliano Da frè, Il vallo di legno in RID-Rivista Italiana Difesa Storia, ottobre 2005, pp. pp. 82-97.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]