Lingua shona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shona (chiShona)
Parlato in Zimbabwe Zimbabwe
Botswana Botswana
Malawi Malawi
Zambia Zambia
Sudafrica Sudafrica
Persone circa 10,8 milioni (anno 2000)[1]
Tipo SVO
Filogenesi Niger-Congo
 Congo-Atlantico
  Volta-Congo
   Benue-Congo
    bantoidi
     bantoidi meridionali
      bantu
       bantu centrali
        S
         shona
Codici di classificazione
ISO 639-1 sn
ISO 639-3 sna  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Vanhu vese vanoberekwa vakasununguka uyewo vakaenzana pahunhu nekodzero dzavo. Vanhu vese vanechipo chokufunga nekuziva chakaipa nechakanaka saka vanofanira kubatana nomweya wohusahwira.

Lo shona (nome originale chiShona) è una lingua bantu dell'Africa meridionale.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

La lingua shona viene parlata principalmente nella parte centro-orientale dello Zimbabwe, oltre che da alcune minoranze in Zambia, Sudafrica, Malawi e Botswana;[2] i locutori sono circa 10,8 milioni, secondo dati del 2000. Al giorno d'oggi lo shona, pur non avendo status di ufficialità,[3] è di fatto la lingua nazionale dello Zimbabwe, insieme con lo ndebele, e la più importante per numero di parlanti. Viene usata inoltre come lingua franca da circa 1,8 milioni di parlanti di altre lingue della regione.[1]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del gruppo delle lingue bantu, viene classificata nel sottogruppo delle lingue shona (S10), che comprende altre parlate simili. La base della lingua standard proviene dalle parlate dialettali zezuru e karanga, a loro volta suddivise in numerosi sottodialetti; un altro dialetto molto importante è il korekore. Si registra un certo grado di mutua comprensibilità con le lingue ndau e manyika, parlate in Zimbabwe e nel Mozambico centrale,[1] che vengono a volte considerate delle varianti dialettali dello shona.[4]

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Lo shona viene scritto con un alfabeto latino,[5] introdotto all'inizio del XX secolo e utilizzato per la scrittura della prima novella in shona, Feso di Solomon Mutswairo, del 1957.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Lingua shona su Ethnologue.
  2. ^ (EN) LLmap - lingua shona.
  3. ^ (EN) CIA - The World Factbook - Zimbabwe.
  4. ^ (EN) New Updated Guthrie List online.
  5. ^ (EN) UCLA Language Materials Project - shona.
  6. ^ (EN) Omniglot - lingua shona.