Lingua evenki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingua evenki
Parlato in Russia, Cina, Mongolia
Persone 17.130
Scrittura Alfabeto cirillico
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue tunguse
Codici di classificazione
ISO 639-3 evn  (EN)
SIL evn  (EN)

La lingua evenki,[1] conosciuta anche come ewenki, ewenke, owenke, solon o suolun,[2] è una lingua tungusa parlata in Cina, Russia e Mongolia.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[2] la lingua evenki è parlata complessivamente da 17.130 persone. In Cina nel 2007 si stimavano 11.000 locutori, stanziati in prevalenza nella Mongolia Interna, in Heilongjiang e in Sinkiang. Al censimento russo del 2010 risultava parlata da 4.800 persone, principalmente nel Circondario degli Evenki, nel Circondario del Tajmyr e nella Sacha-Jacuzia. Per la Mongolia la stima di 1.000 locutori risale al 1992.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua evenki è la seguente:

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Per la scrittura si usa l'alfabeto cirillico.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ URSS - Enciclopedia Italiana - V Appendice (1995) in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b c d (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Evenki in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.