Lacrima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il vitigno, vedi Lacrima (vitigno).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il gruppo musicale, vedi Lacrima (gruppo musicale).
bussola Disambiguazione – "Lacrime" rimanda qui. Se stai cercando l'album di Mia Martini, vedi Lacrime (album).
Bambino in lacrime

La pellicola lacrimale (o lacrima) è una struttura liquida che ricopre la congiuntiva palpebrale bulbare e la cornea, prodotta dall'apparato lacrimale. Esso è composto da una porzione secretoria (ghiandole e dotti secretori), che secerne la lacrima, ed una escretoria, che drena la lacrima verso il naso. Per la sua valutazione quantitativa e qualitativa si ricorre all'utilizzo del lacrimoscopio.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Schema dell'apparato lacrimale e produzione della pellicola lacrimale

Le funzioni principali della pellicola lacrimale sono:

  1. Difesa
  2. Lubrificazione
  3. Nutrizione
  4. Trasparenza ottica
  5. Pulizia

Difesa[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola lacrimale rappresenta la principale difesa alle infezioni batteriche corneali e congiuntivali, assieme alla palpebra. Diffondendosi uniformemente sull'epitelio corneale, funge da barriera protettiva agli agenti batterici esterni.

Lubrificazione[modifica | modifica wikitesto]

La componente mucotica della pellicola lacrimale svolge funzione lubrificante, nei confronti dell'epitelio corneale.

Nutrizione[modifica | modifica wikitesto]

La componente acquosa della pellicola lacrimale funge da veicolo per numerose sostanze disciolte nella lacrima; ossigeno, ioni, anidride carbonica, mucine, lipidi; sostanze indispensabili all'eutrofismo della superficie oculare ed alla sua nutrizione.

Trasparenza ottica[modifica | modifica wikitesto]

Lo strato mucoso della pellicola lacrimale, migliora la trasparenza ottica della superficie corneale. I microvilli dell'epitelio corneale fungono da base alla mucina, che viene assorbita dalle villosità corneali, consentendo una migliore uniformità superficiale.

Pulizia[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso la pellicola lacrimale defluiscono verso la componente escretoria delle ghiandole lacrimali, le impurità provenienti dall'ambiente esterno.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola lacrimale è composto da tre strati successivi, aventi differenti funzioni.

  1. Strato mucoso
  2. Strato acquoso
  3. Strato lipidico

Strato mucoso[modifica | modifica wikitesto]

Lo strato mucoso è la componente più profonda della pellicola lacrimale, prodotto dalle ghiandole mucipare accessorie, e ricopre le cellule epiteliali congiuntivali e corneali. La funzione del muco, legandosi ai microvilli delle cellule superficiali della cornea, è quella di rendere idrofila la superficie stessa della cornea, altrimenti idrofoba.

Strato acquoso[modifica | modifica wikitesto]

Lo strato acquoso è lo strato intermedio della pellicola lacrimale, e ne costituisce la parte preminente. Prodotto principalmente dalle secrezioni delle ghiandole lacrimali principali ed accessorie, è composto oltre che da elettroliti anche da alcuni acidi organici, aminoacidi e proteine, aventi funzioni antibatteriche ed enzimatiche. Riduce gli attriti dei movimenti oculari e palpebrali, deterge le cellule epiteliali desquamate, tampona le scorie metaboliche ed asporta le impurità dell'aria.

Strato lipidico[modifica | modifica wikitesto]

Lo strato lipidico costituisce la parte più esterna della pellicola lacrimale, ed è composto da grassi, secreti dalle ghiandole di Meibomio. La sua funzione è quella di formare una barriera idrofoba lungo il bordo palpebrale, per impedire l'uscita del film lacrimale, e di mantenere l'idratazione della superficie oculare durante le ore di sonno, regolando inoltre il tasso di evaporazione dello strato acquoso della lacrima stessa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuale di ottica oftalmica, AA.VV., Edizione Carl Zeiss
  • Manuale di optometria e contattologia, Anto Rossetti, ed. Zanichelli
  • Criteri di scelta dei materiali in contattologia, Luigi Lupelli, ed. Assopto

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]