Laconia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Laconia (disambigua).
Unità periferica della Laconia
unità periferica
Περιφερειακή ενότητα Λακωνίας
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Peloponneso
Amministrazione
Capoluogo Sparta
Data di istituzione 1º gennaio 2011
Territorio
Coordinate
del capoluogo
36°55′N 22°40′E / 36.916667°N 22.666667°E36.916667; 22.666667 (Unità periferica della Laconia)Coordinate: 36°55′N 22°40′E / 36.916667°N 22.666667°E36.916667; 22.666667 (Unità periferica della Laconia)
Superficie 3 636 km²
Abitanti 100 871 (2001)
Densità 27,74 ab./km²
Comuni 5
Altre informazioni
Cod. postale 23x xx
Prefisso 273x0
Fuso orario UTC+2
ISO 3166-2 GR-16
Targa AK
Cartografia
Unità periferica della Laconia – Mappa

La Laconia (in greco Λακωνία) è una delle cinque unità periferiche del Peloponneso, una delle tredici periferie (in greco: περιφέρειες, perifereies - regione amministrativa) della Grecia.

Capoluogo della Laconia era Sparta, che si ritiene sia stata fondata nel 1100 a.C., dalle tre tribù doriche, Illei, Panfili e Dimani, dopo la discesa dei Dori. La città di Sparta fu fondata nel 900 a.C. dal sinecismo di quattro villaggi: Limne, Pitane, Mesoa e Cinosura (inizialmente anche Amicle). Sorse sui resti di Lacedemone, un'antica città abitata dagli Iloti, divenuti in seguito la classe sociale meno agiata del mondo spartano. Tra l'VIII e il VII secolo a.C. Sparta comincia ad espandersi e conquista la Messenia; si allarga anche verso la Cinuria, pianura eternamente contesa tra Sparta e Argo, motivo della loro inimicizia. Nel 700 a.C. si pone Licurgo, mitico legislatore spartano che dà per primo una costituzione alla polis.

In questa regione ebbe sviluppo il dialetto dorico, che fu il più diffuso in tutto il mondo greco. Questa lingua presenta alcune differenze ortografiche rispetto al dialetto attico, meno diffuso ma ritenuto più forbito.

Prefettura[modifica | modifica wikitesto]

La Laconia era una prefettura della Grecia, abolita a partire dal 1º gennaio 2011 a seguito dell'entrata in vigore della riforma amministrativa detta piano Kallikratis[1]

La riforma amministrativa ha anche modificato la struttura dei comuni che ora si presenta come nella seguente tabella:

Nuovo comune Vecchio comune Sede
Anatoliki Mani Anatoliki Mani Gytheio
Gytheio
Oitylo
Smynos
Elafonissos Elafonissos Elafonissos
Evrotas Skala Skala
Geronthres
Elos
Krokees
Niata
Monemvasia Monemvasia Molaoi
Asopos
Voies
Zarakas
Molaoi
Sparta Sparta Sparta
Therapnes
Karyes
Mystras
Oinountas
Pellana
Faris

Precedente suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1997, con l'attuazione della riforma Kapodistrias[2], la prefettura era suddivisa in 20 comuni e 2 comunità

Comuni Codice comunale Sede (se differente) C.A.P
Anatoliki Mani 3201 Kotronas 230 66
Asopos 3202 Papadianika 230 56
Elos 3207 Vlachiotis 230 55
Faris 3222 Xirokampi 230 54
Geronthres 3204 Geraki 230 58
Gytheio 3205 232 00
Krokees 3211 230 57
Molaoi 3212 230 52
Monemvasia 3213 230 70
Mystras 3214 Magoula 231 00
Niata 3215 Agios Dimitrios 230 60
Oinountas 3216 Sellasia 230 64
Oitylo 3217 Areopoli 230 62
Pellana 3218 Kastoreio 230 59
Skala 3219 230 51
Smynos 3220 Agios Nikolaos 230 61
Sparta 3221 231 00
Therapnes 3209 Gkoritsa 231 00
Voies 3203 Neapoli 230 53
Zarakas 3208 Reichea 230 68
Comunità Codice comunale Sede (se differente) C.A.P.
Elafonisos 3206 230 53
Karyes 3210 230 67

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 1 marzo 2011.
  2. ^ riforma Kapodistrias. URL consultato il 19 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia