La voce delle stelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
La voce delle stelle
OAV
Titolo orig. ほしのこえ
(Hoshi no koe)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Regia Makoto Shinkai
Studio CoMix Wave Inc.
1ª edizione 2002
Episodi unico
Durata 25 min
Episodi it. unico
Doppiaggio it.
  • studio
  • direttore
La voce delle stelle
light novel
Titolo orig. ほしのこえ
(Hoshi no koe)
Autore Waku Ōba
Editore Media Factory - MF Bunko J
1ª edizione luglio 2002
Volume unico
Target seinen
Generi fantascienza, sentimentale
Temi *lontananza
La voce delle stelle
manga
Titolo orig. ほしのこえ
(Hoshi no koe)
Autore Makoto Shinkai
Disegni Mizu Sahara
Editore Kodansha
1ª edizione febbraio 2004 – dicembre 2004
Collanaed. Afternoon
Tankōbon unico
Editore it. D/visual
1ª edizione it. ottobre 2005
Collanaed. it. Speciale fuoriserie
Volume it. unico
Formato it. 12,5 × 18 cm
Pagine it. 240
Target seinen
Generi drammatico, sentimentale, fantascienza
Temi *Mecha

La voce delle stelle (ほしのこえ Hoshi no koe?) è un OAV di fantascienza del 2002 il cui tema principale è la distanza fra le persone e la conseguente incomunicabilità fra di loro. Distribuito in Italia da Kaze.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Quando la nave spaziale Lysithea inizia il suo viaggio a caccia dei Tarsians, temibili alieni incontrati per la prima volta su Marte, la studentessa Mikako Nagamine viene arruolata tra le forze terrestri. L'unico mezzo che ha per parlare con il suo ragazzo rimasto sulla Terra, Noboru Terao, è via e-mail. Ma più la nave spaziale si allontana dalla Terra, più tempo impiegano i messaggi spediti ad arrivare a destinazione. Finché l'ultimo salto di otto anni luce fa precipitare nello sconforto Noboru che riceve una risposta dalla sua ragazza soltanto otto anni dopo il suo messaggio. Il finale relativamente aperto non consente di stabilire se il dramma dei due protagonisti lontani si concluda con un nuovo incontro tra i due.

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • 2002 Digital Contents Grand Prix - Award for image design (Categoria Interattenimento)
  • 2002 Tokyo International Animation Fair 21 - Highest Award (Public Offering Category)
  • 2002 Animation Kobe - Award for Packaging
  • 2002 Agency for Cultural Affairs Media Arts Festival - Digital Arts Special Prize
  • 2002 Japan Otaku Award - Gunbuster Award
  • 2002 AMD Award - Miglior regista
  • 2003 Seiun Award - Miglior media dell'anno

Sigle[modifica | modifica sorgente]

  • Sigla finale - Through The Years And Far Away composta da Tenmon e cantata da Low

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Light Novel[modifica | modifica sorgente]

Manga[modifica | modifica sorgente]

La mangaka Mizu Sahara ha prodotto un adattamento di dieci capitoli dell'OAV, pubblicato poi in un volume tankobon il 23 febbraio 2005 da Kodansha, in Italia tale volume è stato tradotto e pubblicato da d/visual, insieme alla versione animata.

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
Giappone Italia
1 La voce delle stelle
「ほしのこえ」 - Hoshi no koe
23 febbraio 2005[1]
ISBN 978-4-06-334984-9
31 ottobre 2005[2]
ISBN 9784902751727

Differenze fra l'anime e il manga[modifica | modifica sorgente]

Essendo un lavoro successivo, il manga reinterpreta ed amplia la trama dell'anime aggiungendo episodi narrativi extra e personaggi secondari aggiuntivi.[3]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Un altro anime che inserisce nella trama viaggi a velocità superluminale e loro effetti è Punta al Top! Gunbuster.
All'interno della storia viene citato il pianeta Agartha descritto come il quarto pianeta del sistema solare di Sirio, anche se non sembra faccia diretto riferimento ad un'altra opera dello stesso autore, ossia Viaggio verso Agartha.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (JA) ほしのこえ, Kodansha. URL consultato il 19 aprile 2014.
  2. ^ Volumetto 0 di La voce delle stelle, Animeclick. URL consultato il 19 aprile 2014.
  3. ^ La voce delle stelle: un amore al di là del tempo e dello spazio, Animeclick. URL consultato il 19 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]