La gemma di Kaiburr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da La Gemma di Kaiburr)
La gemma di Kaiburr
Titolo originale Splinter of the Mind's Eye
Autore Alan Dean Foster
1ª ed. originale 1978
1ª ed. italiana 1979
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Ambientazione Circarpous V, subito dopo gli avvenimenti descritti nel film Guerre stellari, e antecedenti L'Impero colpisce ancora (2 ABY);
Personaggi

La gemma di Kaiburr (Splinter of the Mind's Eye) è un romanzo ambientato nell'universo fantascientifico di Guerre stellari scritto da Alan Dean Foster e pubblicato inizialmente nel 1978 da Del Rey, una filiale di Ballantine Books. È ambientato nel periodo compreso tra Una nuova speranza e L'Impero colpisce ancora. In Italia è uscito nel 1979 edito da Mondadori nella collana Oscar Fantascienza. I personaggi principali sono Luke Skywalker, la Principessa Leila, C-3PO, R2-D2, e Dart Fener. Il libro sarebbe dovuto essere alla base di un seguito di Una nuova speranza qualora il film si fosse rivelato poco remunerativo.[1]

Venne tradotto in italiano nel 1979.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Luke e Leila, assieme a R2-D2 e C3-PO, stanno viaggiando verso Circarpous IV per convincere gli abitanti ad unirsi sotto la bandiera dei Ribelli. L'astronave di Leila incontra problemi e i due amici devono atterrare su un pianeta desolato e paludoso, Circarpous V (chiamato anche Mimban). Una strana e colorata tempesta di energia li costringe ad atterrare in modo brusco. Dopo un breve viaggio nella foresta locale giungono ad una città e scoprono che è invasa dagli Stormtrooper Imperiali; riescono a rifugiarsi in una locanda, dopo aver rubato degli indumenti da minatori, e là fanno la conoscenza di Halla, una vecchia donna sensibile alla Forza che parla loro della mitica gemma di Kaiburr, un cristallo custodito nel tempio del dio Pomojema con la capacità di assorbire la Forza. Usciti dalla locanda, Leila e Luke vengono attaccati da dei balordi e, a seguito di una colluttazione, vengono tutti arrestati dagli Stormtrooper e condotti alla prigione locale, supervisionata dallo spregevole sovrintendente capitano Grammel, affiliato dell'Impero. Con l'aiuto di due Yuzzum prigionieri, Kee e Hin, e di Halla, Luke e Leila riescono a fuggire nella foresta e decidono di raggiungere il tempio di Pomojema. Durante il viaggio s'imbattono nei nativi Coway, in una grotta, e a seguito di un combattimento tra Luke e uno degli indigeni, gli Stormtrooper guidati da Dart Fener e Grammel li attaccano. A seguito della battaglia, i nostri eroi giungono al tempio: un mostro gigantesco protegge l'ingresso al luogo sacro ma Luke riesce ad ucciderlo, rimanendo però bloccato da un masso. Nel frattempo Fener, deluso per la fuga dei Ribelli, uccide Grammel tagliandolo brutalmente in due e raggiunge il tempio, disattivando R2 e 3PO e uccidendo Kee e Hin. Appare poi dinanzi a Luke e Leila e quest'ultima, in preda alla rabbia, decide di affrontare il Sith con la spada laser di Luke ma esce dallo scontro ferita e malconcia. Luke prende il suo posto, affrontando per la prima volta Fener, e riesce, dopo essersi concentrato, a tagliargli il braccio destro. Proprio mentre Fener sta per riprendere a combattere il terreno sotto di lui cede e precipita in un baratro, permettendo ai Ribelli di salvarsi. Dopo essersi ristabiliti con il potere della gemma di Kaiburr, Luke e Leila fuggono assieme ad Halla e i droidi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

  • Splinter of the Mind's Eye, First Ed, Paperback, 1978. Alan Dean Foster, ISBN 0-345-32023-9
  • Splinter of the Mind's Eye, First Ed, Hardback, 1978. Alan Dean Foster, ISBN 0-345-27566-7
  • Splinter of the Mind's Eye, Book Club Ed, Hardback, 1978. Alan Dean Foster, Book Club # 2597

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Star Wars: ecco la trama del sequel mai realizzato in BadTaste.it, 6 maggio 2014.
  2. ^ Edizioni di La gemma di Kaiburr in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]