L'alibi (film 1969)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'alibi
Titolo originale L'alibi
Paese di produzione Italia
Anno 1969
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Adolfo Celi, Vittorio Gassman, Luciano Lucignani
Sceneggiatura Sandro Continenza
Produttore Franco Cristaldi
Casa di produzione Ital-Noleggio Cinematografico, Vides Cinematografica
Fotografia Stelvio Massi
Montaggio Mario Arditi
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Giorgio Giovannini
Trucco Orietta e Sandro Melaranci
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'alibi è un film scritto, diretto e interpretato da Adolfo Celi, Vittorio Gassman e Luciano Lucignani.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Luciano, Vittorio e Adolfo sono tre amici ed ex allievi dell'Accademia d'arte drammatica che si incontrano di nuovo dopo molto tempo: Adolfo è diventato un attore famoso in Brasile; Vittorio fa l'attore di cinema e di teatro in Italia e Luciano è un regista impegnato politicamente. Adolfo manda un telegramma che preannuncia il suo ritorno in Italia a Vittorio e Luciano, pensando di poter riallacciare la vecchia amicizia, ma tutti e tre si ritrovano profondamente cambiati. Si ritroveranno grazie ad un altro amico, Luca (Vittorio Ripamonti) che racconta la sua malattia, tramite lettere autografe ai suoi tre amici, sperando di essere aiutato. I tre sembrano ignorare il suo grido pietoso, finché alla fine si presenta alla loro porta.

(Lo scrittore Alberto Moravia appare un istante nella festa, insieme a Dacia Maraini ed altri illustri personaggi amici degli attori, ma non assumono nessun ruolo nel film.)

Critica[modifica | modifica sorgente]

Lo stesso Vittorio Gassman definì questo un film abbastanza complicato e non destinato ad essere compreso dal grosso pubblico ma del resto, Gassman,Celi e Lucignani interpretano essenzialmente loro stessi e sembra quasi un loro film per gli addetti ai lavori nel senso che spesso i dialoghi per essere compresi devono essere sopportati da una certa cultura politica e teatrale. Tuttavia in questo film ci sono elementi di interesse sia perché i personaggi tentano di fare un'analisi delle loro vite oramai passate e che il successo ha forse annebbiato la comprensione che avrebbero dovuto avere per il loro amico Luca, attore molto promettente ma caduto in depressione e che si ripresenta per destare le loro coscienze, e sia perché vengono fotografati dei momenti di forti contrasti e confusioni politiche tipiche di allora.

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Inconsueti doppiatori in questo film quali Umberto Orsini il quale non si dedicava molto al doppiaggio e Florinda Bolkan in quanto serviva un'attrice che sapesse parlare italiano con accento portoghese-brasiliano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema