Kungliga Tekniska Högskolan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la stazione della metropolitana, vedi Tekniska högskolan (metropolitana di Stoccolma).
Kungliga Tekniska Högskolan - Ingresso

L'Istituto Reale di Tecnologia (in svedese Kungliga Tekniska Högskolan, spesso abbreviato "KTH") è un politecnico svedese afferente all'università statale di Stoccolma. Si tratta del centro di ricerca tecnologica più grande di tutta la Scandinavia e uno dei più importanti d'Europa.

Dal 12 novembre 2007 il rettore è Peter Gudmundson, un professore di scienza dei materiali.

La storia del KTH ha avuto inizio nel 1827, quando il Teknologiska Institutet (Istituto di tecnologia) comincia a cedere il passo in settori tecnologici con un forte approccio pratico al fine di accompagnare la crescente domanda di ingegneri, eseguendo il processo di industrializzazione iniziato in Svezia.
Nel 1877 la scuola prende il nome di Kungliga Tekniska Högskolan, continuando a espandere le sue aree di competenza. Già nel 1867 erano esistenti le facoltà di meccanica, chimica, ingegneria e mineralogia. Furono successivamente introdotte quelle di architettura (1877), ingegneria elettrotecnica (1901), ingegneria navale (1912), fisica (1932), informatica (1983) ed economia industriale (1990).

Dopo la seconda guerra mondiale, per disporre di adeguate difese ad eventuali attacchi nucleari, fu costruito dopo anni di ricerca un reattore di 300 kW (poi ampliato a 1 MW) denominato "Reaktor 1", R1, in una stanza a 25 metri sotto il suolo del centro universitario. Alle 18:59 del 13 luglio 1954 si raggiunse la prima massa critica, così la prima considerevole reazione nucleare svedese ebbe luogo. Il reattore R1 è stato il principale luogo per quasi tutta la ricerca nucleare svedese fino al 1970, anno in cui fu ufficialmente dichiarato fuori uso, quando si scelse di cessare la sua attività in una zona densamente popolata come Stoccolma.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]