Konstantin Raudive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Konstantin Raudive (Dagda, 30 aprile 1909Bad Krozingen, 2 settembre 1974) è stato un romanziere e filosofo lettone, noto in particolare per essere stato il pioniere della psicofonia insieme a Friedrich Jürgenson.

Poliglotta e traduttore della letteratura spagnola in lingua lettone, all'età di 22 anni decide di lasciare il suo paese per compiere studi prima a Parigi e in seguito a Salamanca e a Londra. Dopo aver soggiornato a lungo in Spagna allo scoppiare della seconda guerra mondiale si trasferisce definitivamente a Uppsala nel 1944.

Negli anni sessanta insieme a Friedrich Jürgenson è stato il pioniere della psicofonia, branca della parapsicologia che consiste in uno studio che vorrebbe essere il più rigoroso possibile della sperimentazione della comunicazione con l'aldilà con mezzi elettronici come lo sono il registratore, la radio e altri mezzi tecnologici atti a captare voci e messaggi di questo genere.

Questo genere di studi ed esperimenti vengono anche denominati dal noto studioso di questo genere di cose François Brune transcomunicazione strumentale.

Ebbe come collaboratori e consulenti nelle sue sperimentazioni i tecnici della radio e della televisione Theodor Rudolph e Norbert Unger, il fisico svizzero Alex Schneider, il teologo cattolico Gebhard Frei e il prelato Pfleger.

Gli esperimenti[modifica | modifica wikitesto]

Raudive condusse esperimenti di tal genere a partire dal 1964 fino alla sua morte e nel suo caso tali esperimenti si svolsero con l'aiuto dei soli registratori e radio.

Complessivamente è riuscito a raccogliere, cioè registrare e analizzare circa 80 000 presunte voci provenienti dall'aldilà e il resoconto di tale studio è stato pubblicato nei suoi libri, il ricevitore utilizzato, tuttavia, equivale ad un ricevitore privo della selettività in frequenza propria di un qualunque strumento radio, le voci sarebbero, quindi, frutto della sovrapposizione di un gran numero di comuni trasmissioni radio:

  • L'inaudibile si fa udibile tradotto in italiano con il titolo "Voci dall'aldilà"
  • Sopravviviamo dopo la morte?

Interpretazione degli esperimenti[modifica | modifica wikitesto]

Benché gli esperimenti condotti da Jürgenson e Raudive siano simili, diverse invece sono le interpretazioni che essi danno del fenomeno.

Mentre Jürgenson è giunto alla conclusione che si tratti di voci di trapassati che tentano di comunicare con il mondo che hanno lasciato, Raudive invece non condivide questa conclusione e propende invece su una interpretazione che si basa sulla nota ipotesi della scienza fisica denominata teoria degli universi paralleli per cui queste voci sarebbero le voci dei doppi di coloro che muoiono. Quest'ultima tesi presenta somiglianze con le conclusioni a cui è giunto un altro "esploratore" dell'aldilà: Robert A. Monroe.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • L'inaudibile si fa udibile, 1968, tradotto in italiano con il titolo "Voci dall'aldilà"
  • Sopravviviamo dopo la morte?

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37711810 LCCN: n88677678