Kondratij Fëdorovič Ryleev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kondratij Fëdorovič Ryleev

Kondratij Fëdorovič Ryleev (in russo: Кондра́тий Фёдорович Рыле́ев?; Mosca, 18 settembre 1795Isola dei Decabristi, 25 luglio 1826) è stato un rivoluzionario e poeta russo, fu uno dei maggiori esponenti del decabrismo. Venne condannato all'impiccagione insieme a Pëtr Grigor'evič Kachovskij, Sergej Ivanovič Murav'ëv-Apostol, Pavel Ivanovič Pestel' e Michail Pavlovič Bestužev-Rjumin.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un piccolo proprietario terriero, colonnello in pensione e amministratore dei principi Galitsin, intraprese la carriera militare: ottenne il grado di sottotenente nel 1814 e partecipò alla campagna di Francia.

Sposatosi nel 1819 con la figlia di un proprietario terriero, si stabilì a San Pietroburgo, lavorando come impiegato nel Tribunale. Nel 1823 aderì all'Associazione del Nord, società segreta liberale contraria all'assolutismo del regime zarista e dal 1824 fu assunto dalla Compagnia russo-americana di commercio come cancelliere capo. I suoi interessi letterari lo portarono a collaborare agli almanacchi La stella polare, e La stellina, pubblicandovi opere di Aleksandr Sergeevič Puškin, Vasilij Andreevič Žukovskij, Aleksandr Sergeevič Griboedov, Ivan Andreevič Krylov, Evgenij Abramovič Baratynskij, Pëtr Andreevič Vjazemskij e altri.

Fu protagonista della cospirazione decabrista, che sfociò nel pronunciamento militare del 14 dicembre 1825, conclusa tragicamente con l'impiccagione insieme con altri quattro cospiratori.

Il valore della sua figura è più nell'impegno civile e politico che nella produzione poetica: nelle Meditazioni porta esempi storici di virtù, nel Voinarovskij rende omaggio al patriota ucraino confinato in Siberia, nella Confessione di Nalivaiko e ne Il cittadino Ryleev esalta la necessità e la funzione liberatrice della rivoluzione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. P. Mirskij, Storia della letteratura russa (1927), Milano 1995

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 35252682 LCCN: n81040581