Kolumbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Κολούμπο
Stato Grecia Grecia
Altezza -10 m s.l.m.
Catena Arco Egeo (vulcano sottomarino)
Diametro cratere 1500 m
Ultima eruzione 1650
Coordinate 36°14′24″N 25°14′24″E / 36.24°N 25.24°E36.24; 25.24Coordinate: 36°14′24″N 25°14′24″E / 36.24°N 25.24°E36.24; 25.24
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Grecia
Κολούμπο

Il Kolumbo (Κολούμπο, in greco) è un vulcano sottomarino situato nel Mare Egeo, circa 8 km a nord-est di Santorini, alle coordinate geografiche 36°14′24″N 25°14′24″E / 36.24°N 25.24°E36.24; 25.24.

È il più grande di un insieme di 20 vulcani sottomarini che si estendono a nord-est da Santorini[1]: ha un diametro di circa 3 km con un cratere di circa 1,5 km[2].

Eruzioni del 1649-50[modifica | modifica sorgente]

Fu scoperto nel 1649 quando iniziò una serie di eruzioni di tipo esplosivo che provocarono la morte di 70 abitanti della vicina isola di Santorini; ma le conseguenze di queste esplosioni, protratte fino al 1650, non sarebbero lontanamente paragonabili a quella di Thera del 1630 a.C., con le sue conseguenze devastatrici per la civiltà minoica[3][4][5][6].

L'eruzione esplosiva del 1649 si verificò quando il cono del Kolumbo raggiunse la superficie marina; flussi piroclastici raggiunsero, attraverso la superficie del mare, le spiagge e pendii di Santorini, causando la morte di settanta persone e molti animali. Un piccolo strato neoformato di pomice bianca è stato eroso rapidamente dall'azione delle onde. Il collasso degli strati sovrastanti la camera magmatica, oltre a formare la caldera provocò uno tsunami che arrecò danni a località distanti anche 150 km. Le parti più alte dell'orlo di cratere ora sono circa 10 m sotto livello del mare[7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Università di Rhode Island: "Kolumbo", vedi Bibliografia
  2. ^ La maggior parte delle informazioni di questa voce sono ricavate dai rapporti on-line del NOAA Ocean Explorer, vedi Bibliografia.
  3. ^ Gae Callender, The Minoans and the Mycenaeans: Aegean Society in the Bronze Age Victoria etc: Oxford university press, 1999.
  4. ^ Jan Driessen,."The Archaeology of Aegean Warfare," in Laffineur, Robert, ed., Polemos: Le Contexte Guerrier en Egee a L'Age du Bronze. Actes de la 7e Rencontre egeenne internationale Universite de Liege, 1998. Liegi: Universite de Liege, Histoire de l'art d'archeologie de la Grece antique, 1999, pp. 11-20.
  5. ^ Arthur Evans,. The Palace of Minos: A Comparative Account of the Successive Stages of the Early Cretan Civilization as Illustrated by the Discoveries at Knossos, 4 vols 1921-1935 (ristampa 1964).
  6. ^ Cheryl Floyd, "Observations on a Minoan Dagger from Chrysokamino" In Laffineur, Robert, ed., Polemos: Le Contexte Guerrier en Egee a L'Age du Bronze. Actes de la 7e Rencontre egeenne internationale Universite de Liege, 1998. Liegi: Universite de Liege, Histoire de l'art d'archeologie de la Grece antique, 1999, pp. 433-442.
  7. ^ Università di Rhode l'Isola: Kolumbo, cit.; Fouqué, Santorin et ses éruptions, cit., 1879.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

scienze della Terra Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienze della Terra