Knipowitschia caucasica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ghiozzetto caucasico
Knipowitschia caucasica - Iran.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Gobioidei
Famiglia Gobiidae
Sottofamiglia Gobiinae
Genere Knipowitschia
Specie K. caucasica
Nomenclatura binomiale
Knipowitschia caucasica
Berg, 1916
Sinonimi

Bubyr caucasicus, Gobius caucasicus, Gobius lencoranicus, Pomatoschistus caucasicus

Il Ghiozzetto caucasico (Knipowitschia caucasica) è un pesce della Famiglia Gobiidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È presente nel mar Nero, nel mar Caspio, nel mar Adriatico e nel mar Egeo.

Vive nelle lagune salmastre e nelle foci dei fiumi, in zone con vegetazione acquatica. Essendo eurialino è in grado di sopportare sbalzi anche importanti di salinità, infatti lo si può ritrovare da acque totalmente dolci ad acque iperaline.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Difficile da distinguere dai congeneri e dai Pomatoschistus, il maschio ha 4 barre scure sui fianchi e una macchiolina nera sulla prima pinna dorsale, la femmina ha un punto scuro sotto la mandibola. Entrambi hanno la prima pinna dorsale con 2 strie scure, più visibili nelle femmine. Il colore di fondo è grigio sabbia.

Non supera i 5 cm.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si ciba soprattutto di piccoli invertebrati bentonici.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce ad 1 anno di età, le uova sono deposte sul soffitto di cavità o di conchiglie e vengono sorvegliate dal maschio. Non vive più di due anni.

Nota tassonomica[modifica | modifica wikitesto]

Lo status tassonomico delle popolazioni adriatiche è incerto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Knipowitschia caucasica in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci