Keith Whitley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Keith Whitley
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Country
Periodo di attività 1984-1989
Etichetta RCA
Album pubblicati 16
Studio 6
Raccolte 10

Jackie Keith Whitley, noto professionalmente come Keith Whitley (Ashland, 1 luglio 1954Nashville, 9 maggio 1989), è stato un cantante country statunitense.[1][1][2]

La sua breve carriera musicale, cominciata nel 1984 e conclusa con la sua morte nel 1989, ha influenzato un'intera generazione di cantanti e cantautori. Diciannove suoi singoli hanno fatto parte della classifica country della Billboard, incluse cinque numero uno consecutive: "Don't Close Your Eyes", "When You Say Nothing at All", "I'm No Stranger to the Rain", "I Wonder Do You Think of Me" e "It Ain't Nothin'" (le ultime due postume).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovinezza[modifica | modifica sorgente]

Whitley nacque da Faye (editrice della The Elliott County News) e Elmer Whitley (un elettricista) a Ashland, Kentucky, ma venne cresciuto a Sandy Hook, frequentando la Sandy Hook High School.[3][4] Aveva due fratelli, Randy e Dwight, e una sorella, Mary.[5][6]

Keith ed i suoi amici passavano il tempo bevendo bourbon e gareggiando con le loro auto lungo delle pericolose strade di montagna. Una volta, Whitley era in una macchina, quando il guidatore entrò in una curva a circa 190 km/h. L'auto capottò, uccidendo il suo amico, e lui quasi si ruppe il collo. In un altro incidente, la sua macchina cadde giù per un dirupo di circa 120 piedi, finendo in un fiume congelato; per quest'episodio, Keith dovette indossare un collare ortopedico.[7]

Carriera musicale[modifica | modifica sorgente]

Nel 1969 si esibì in una gara musicale a Ezell, Kentucky, con il fratello Dwight che suonava un banjo a cinque corde; al concorso partecipò anche Ricky Skaggs. Skaggs e Keith si piacquero subito e in breve tempo divennero amici.[8]

A 15 anni Whitley, insieme a Ricky Skaggs, di un anno più vecchio di lui, venne scoperto da Ralph Stanley, mentre i due ragazzi stavano cantando le canzoni di Ralph & Carter Stanley (gli Stanley Brothers), aprendo un concerto degli Clinch Mountain Boys. I due presto si unirono alla band di Ralph. Whitley suonò anche con J. D. Crowe nella metà degli anni settanta.[7] Durante questo periodo, si affermò come uno dei cantanti più versatili e talentuosi nel panorama bluegrass del momento. Il suo modo di cantare è stato fortemente influenzato da Carter Stanley e Lefty Frizzell. Si trasferì a Nashville nel primi anni 1980 per intraprendere la carriera musicale country e presto firmò un contratto discografico con la RCA Records.[7] Il primo album solista di Whitley fu pubblicato nel 1984 e fu caratterizzato da una stile country più tradizionale; i critici consideravano l'album troppo irregolare. Whitley affinò il suo sound negli anni successivi anni per il suo album futuro, L.A. to Miami.

Questo disco, pubblicato nel 1986, gli avrebbe dato il suo primo singolo nella top 20, "Miami, My Amy". La canzone venne seguita da tre che ebbero ancora più successo: "Ten Feet Away", "Homecoming '63" e "Hard Livin". L'album includeva anche "On The Other Hand" e "Nobody in His Right Mind Would've Left Her". Durante il suo tour per promuovere l'album, incontrò Lorrie Morgan, anch'essa una cantante country, e tra i due cominciò una relazione amorosa. I due si sposarono nel novembre del 1986 ed ebbero il loro unico figlio, Jesse Keith Whitley, nel giugno 1987. Keith ha inoltre adottato la figlia di Lorrie, Morgan, avuta dal primo matrimonio di lei.

Durante le nuove sessioni di registrazione nel 1987, Whitley cominciò ad avere la sensazione che le canzoni che stava incidendo non fossero nel suo standard, così chiese alla RCA se il progetto di quindici canzoni poteva essere archiviato. Il nuovo album, intitolato Don't Close Your Eyes, venne comunque pubblicato nel 1988, con ottime vendite. L'album contiene una delle tante canzoni che Whitley scrisse nei suoi ultimi anni a Tree Publishing, "It's All Coming Back To Me Now". Inoltre l'album comprendeva un remake del classico di Lefty Frizzell, "Mai I Go Around Mirrors", e la canzone divenne un grande successo nei concerti di Whitley. I primi tre singoli dell'album, "When You Say Nothing at All", "I'm No Stranger to the Rain" e la title track, raggiunsero tutti la prima posizione nelle classifiche Billboard tra l'autunno del 1988 e l'inverno del 1989. Poco dopo, "I'm No Stranger To The Rain" fece conquistare a Whitley il suo primo ed unico premio della Country Music Association come artista solista.

L'alcolismo e la morte[modifica | modifica sorgente]

Whitley era da tempo un alcolizzato, avendo iniziato a bere all'inizio della sua carriera ai concerti, molto prima che gli fosse legalmente permesso di fare uso di alcolici. Molte volte aveva cercato di risolvere il suo problema, senza successo. Whitley preferiva bere da solo, rendendo difficile per chiunque rilevare che aveva un problema. Lorrie Morgan cercava di nascondergli l'alcool, in modo che Whitley non potesse svegliarsi nel cuore della notte per prendere un drink senza che lei lo sapesse. Whitley aveva perso sia suo padre, sia suo fratello Randy (ottobre 1983, in un incidente in moto), nei cinque anni precedenti la morte.[3][5]

La mattina del 9 maggio 1989, dopo un fine settimana passato a bere ed a fare festa con gli amici, Whitley si svegiò e parlò brevemente al telefono con sua madre, Faye; poi ricevette la visita del suo fratellastro, Lane Palmer; i due programmarono di bere un caffè e di andare a giocare a golf, dopo di che Keith aveva intenzione di iniziare a scrivere canzoni per lui e per Lorrie, per quando lei fosse tornata dal suo tour. Il suo fratellastro partì alle 08:30 circa,[9] dicendo a Whitley di farsi trovare pronto entro un'ora. Al ritorno, Palmer lo trovò a faccia in giù sul letto, completamente vestito.

La causa della morte è stata un'overdose da alcool,[4] ed il Davidson County Medical Examiner Charles Harlan dichiarò che il suo livello di alcool nel sangue era 0,477, quasi cinque volte il livello di 0,1, che allora era il limite legale in Tennessee.[10][11][12][13][14] Whitley aveva 34 anni.[1][2]

Il giorno dopo la sua morte, Music Row fu rivestita con nastri neri in memoria di Whitley. Venne sepolto nel cimitero di Spring Hill a Nashville, Tennessee.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Anno Album Posizione massima in classifica Premi
(vendite)
US Country Billboard 200 CAN Country
1984 A Hard Act to Follow
1985 L.A. to Miami
  • Data di pubblicazione: agosto 1985
  • Etichetta: RCA Nashville
26
1988 Don't Close Your Eyes
  • Data di pubblicazione: 31 maggio 1988
  • Etichetta: RCA Nashville
8 121 10
  • Premi: Disco d'oro
1989 I Wonder Do You Think of Me
  • Data di pubblicazione: giugno 1989
  • Etichetta: RCA Nashville
2 115
  • Premi: Disco d'oro
1991 Kentucky Bluebird
  • Data di pubblicazione: 1991
  • Etichetta: RCA Nashville
45 17
1995 Wherever You Are Tonight
  • Data di pubblicazione: 24 ottobre 1995
  • Etichetta: BNA Records
"—" l'album non raggiunse la classifica

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Posizione in classifica RIAA
US Country US
1990 Greatest Hits 5 67 Platino
1993 The Very Best of Keith Whitley
1995 Super Hits 51 Oro
1996 The Essential Keith Whitley
1998 Keith Whitley Remembered…The Encore Collection
2000 Sad Songs and Waltzes
(supplemented re-release of Somewhere Between)
2002 RCA Country Legends
2003 Platinum and Gold Collection
2006 16 Biggest Hits
2007 Keith Whitley: Collections

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Anno Singolo Posizione in classifica Album
Hot Country Songs CAN Country
1984 "Turn Me to Love" 59 57 Hard Act to Follow
"A Hard Act to Follow" 76
1985 "I've Got the Heart for You" 57 L.A. to Miami
"Miami, My Amy" 14 38
1986 "Ten Feet Away" 9 16
"Homecoming '63" 9 25
1987 "Hard Livin'" 10
"Would These Arms Be in Your Way" 36 Don't Close Your Eyes
"Some Old Side Road" 16 32
1988 "Don't Close Your Eyes" 1 2
"When You Say Nothing at All" 1 *
1989 "I'm No Stranger to the Rain" 1 1
"I Wonder Do You Think of Me" 1 1 I Wonder Do You Think of Me
"It Ain't Nothin'" 1 1
1990 "I'm Over You" 3 3
"'Til a Tear Becomes a Rose" (con Lorrie Morgan) 13 13 Greatest Hits
1991 "Brotherly Love" (con Earl Thomas Conley) 2 6 Kentucky Bluebird
"Somebody's Doin' Me Right" 15 12
1995 "Wherever You Are Tonight" 75 Wherever You Are Tonight
2000 "Sad Songs and Waltzes" Sad Songs and Waltzes
"—" il singolo non entrò in classifica
* massima posizione sconosciuta

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Erlewine, Stephen Thomas. - Keith Whitley: Biography. - Allmusic.
  • Skinker, Chris (1998). - "Keith Whitley". - The Encyclopedia of Country Music: The Ultimate Guide to the Music. - First Edition. - Paul Kingsbury, editor. - New York: Oxford University Press. - pp.583–584. ISBN 978-0-19-511671-7

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Whitburn, Joel (2006). - The Billboard Book of Top 40 Country Hits. - Second Edition. - New York: Billboard Books. - p.382. - ISBN 978-0-8230-8291-9.
  2. ^ a b Stambler, Irwin, and Grelun Landon (2000). - Country Music: The Encyclopedia. - New York: St. Martin's Press. - p.533. - ISBN 978-0-312-26487-1.
    —Carlin, Richard (2003). - Country Music: A Biographical Dictionary. - New York: Routledge - p.427. - ISBN 978-0-415-93802-0.
    —Larkin, Colin (1995). - The Guinness Encyclopedia of Popular Music. - New York: Stockton Press - P.4462. - ISBN 978-0-85112-662-3.
    —Stanton, Scott (2003). - The Tombstone Tourist: Musicians. - New York: Pocket Books. - p.395. - ISBN 978-0-7434-6330-0.
    —Hicks, Jack. - "Singer Keith Whitley's Memory Alive Through Songs, Love in Home Town". - The Kentucky Post. - September 25, 1991.
    —"Country Music Star Keith Whitley Dead at 33". - Lexington Herald-Leader. - May 10, 1989.
    Template:Findagrave
    —Hurst, Jack. - "Whitley's Last Days". - Chicago Tribune. - May 14, 1989.
    —"Alcohol Kills Country Singer Keith Whitley". - United Press International. - (c/o The San Francisco Chronicle). - May 10, 1989.
  3. ^ a b Hicks, Jack. - "Singer Keith Whitley's Memory Alive Through Songs, Love in Home Town". - The Kentucky Post. - September 25, 1991.
  4. ^ a b "Country Music Star Keith Whitley Dead at 33". - Lexington Herald-Leader. - May 10, 1989.
  5. ^ a b Lockwood, Frank E. - "Bikers, Sandy Hook Pay Tribute to Favorite Son". - Lexington Herald-Leader (KY) - Saturday, June 27, 1998.
  6. ^ Lockwood, Frank E. - "Singing in Rain". - Lexington Herald-Leader (KY) - Saturday, June 28, 1999.
  7. ^ a b c Associated Press - "Whitley Just Getting Started Despite 18-Year Music Career". - Salina Journal (KS) - Thursday, October 27, 1988.
  8. ^ Rowe, Norman. - Album Echoes Country Classics". - Richmond Times-Dispatch. - April 20, 1986.
  9. ^ Jinkins, Shirley. - "A country music love story of death, drinking and devotion". - Fort Worth Star-Telegram. - October 14, 1997.
  10. ^ Edwards, Joe. - "Keith Whitley discovered dead - Alcohol overdose cause of death". - Austin American-Statesman. - May 10, 1989.
  11. ^ "Country Singer Keith Whitley, 33". - Associated Press. - (c/o Chicago Tribune). - May 10, 1989.
  12. ^ Hurst, Jack. - "Whitley's Last Days". - Chicago Tribune. - May 14, 1989.
  13. ^ "Country Singer Keith Whitley, 33". - Associated Press. - (c/o Chicago Tribune). - May 10, 1989.
  14. ^ Green, Barbara. - "Whitley Fans Hate 'To See a Good Man Go To Waste". - Richmond Times-Dispatch. - May 17, 1989.

Controllo di autorità VIAF: 44489997 LCCN: n92016658