Kamal al-Din ibn al-Adim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Kamal ad-Din ibn al-Adim)

Kamāl al-dīn Ibn al-'Adīm (in arabo: كمال الدين ابن العديم; Aleppo, 1192Il Cairo, 1262) è stato uno storico siriano. La sua opera, Zudbat al-ḥalab fī taʾrīkh Ḥalab ("La crema del latte nella storia di Aleppo"), costituisce una preziosissima fonte d'informazioni per la storia della città nei secoli XII e XIII.

Kamāl al-dīn insegnò nella madrasa di Aleppo nel biennio 1219-1220, poi ottenne il titolo di qadi e si dedicò alla magistratura. Servì in qualità di vizir il sultano ayyubide di Aleppo, al-Nasir Yusuf.

Kamāl al-dīn fuggì da Aleppo quando la città venne conquistata dai Mongoli (1260) e si rifugiò in Egitto, ove morì in esilio.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Zudbat al-ḥalab fī taʾrīkh Ḥalab
  • Bughyat al-talab ("Il desiderio dello studente")
  • Kitāb al-wuṣla ilā l-ḥabīb fī waṣf al-ṭayyibāt wa l-ṭibb

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kamal al-Din, Zudbat al-ḥalab fī taʾrīkh Ḥalab, ed. S. Dahhàn, Damasco, 1954.
  • F. Gabrieli [a cura di], Storici arabi delle crociate, Torino, Einaudi, 1987.

Controllo di autorità VIAF: 10028380