Joseph Boulogne Chevalier de Saint-George

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Boulogne Chevalier de Saint-George

Joseph Boulogne Chevalier de Saint-George (Baillif, 25 dicembre 1739Parigi, 12 giugno 1799) è stato un compositore e violinista francese. Fu un'importante figura della musica parigina nella seconda metà del XVIII secolo. Soprannominato il "Mozart nero" (era di carnagione mulatta), fu il primo compositore di ascendenza africana a operare nell'ambito della musica classica europea.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua esatta origine è molto dibattuta. Al giorno d'oggi si è concluso che egli nacque nel 1739, in contrapposizione a una prima supposizione che stabiliva datava la nascita al 1745. A sostegno di quest'ultima vi è un documento del 1749 che cita un suo viaggio verso la Francia, all'età di quattro anni. Incerta è anche la paternità: la teoria dell' Association du Chevalier de Saint-Georges, ossia Georges de Boulogne de Saint-Georges, entra in contrasto con diversi autori. Così il biografo e giornalista Alain Guédé ha concluso che suo padre fu Guillaume-Pierre Tavernier de Boullongne, il quale nel 1738 concepì con una schiava africana (originaria del Senegal) di un piantagione di Guadalupa un figlio illegittimo che prese il cognome "de Saint-George" dal padrino George Boulogne de Saint-Georges.

Diventò in Francia uno dei migliori fiorettisti, allievo di Nicolas Texier de la Boëssière (1723-1807), maestro d'arme e fine letterato.

In campo musicale, fu un virtuoso del violino e compositore. Nel 1771 fu nominato maestro del Concert des Amateurs e più tardi direttore della Reale Opera di Luigi XVI. Fu inoltre il primo massone in Francia. Nel 1785 si concentrò ulteriormente nella sua carriera militare lottando contro la monarchia nella Rivoluzione Francese. Alcuni anni più tardi fu espulso dall'esercito e morì in miseria a Parigi nel 1799.

Stile[modifica | modifica sorgente]

Musicalmente, Joseph Boulogne Chevalier de Saint-George è inserito tra i compositori del primo classicismo. Le maniere barocche vengono da lui tralasciate. Egli si orienta verso lo stile proprio dei suoi più famosi contemporanei Wolfgang Amadeus Mozart e Franz Joseph Haydn, trascurando anche l'influsso della Scuola di Mannheim. Fu allievo di Jean-Marie Leclair e di François-Joseph Gossec, dal quale fu influenzato soprattutto nello stile compositivo della sua musica strumentale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 14957829 LCCN: n79113767