Jean-Marie Leclair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Marie Leclair

Jean-Marie Leclair (Lione, 10 maggio 1697Parigi, 22 ottobre 1764) è stato un violinista e compositore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Guido Rimonda con il violino di Leclair.

Nato a Lione nel 1697, dal 1716, si dedicò, come il padre, al violino e all'arte della danza, che però verrà presto abbandonata. A Torino, intorno al 1726, conobbe Giovanni Battista Somis e, nonostante risiedesse a Parigi, continuò i suoi studi a Torino. Fu appunto in questo periodo che conobbe il celebre flautista tedesco Johann Joachim Quantz, che in quel periodo si trovava in Italia.
Nel frattempo, dopo essere rimasto vedovo nel 1730, si risposò con Louise Roussel, ed ebbe da lei un'unica figlia che eserciterà in seguito la stessa professione del padre. Nel 1734 conobbe il violinista piemontese Guignol e, dopo alcune divergenze, decise nel 1737, di recarsi in Olanda, dove aveva già una certa fama. Quattro anni dopo conobbe Pietro Locatelli ad Amsterdam, e per i successivi due anni prestò servizio all'Aia, godendo dei favori della principessa Anna d'Orange. Nel 1743, tornò a Parigi, e per un anno fu al servizio dell'infante Don Filippo di Spagna, al quale dedicò i suoi concerti dell'opera X. Negli anni successivi lo troviamo a Lione e a Parigi, dove venne assunto, nel 1748, per suonare come solista nel teatro privato del duca di Gramont. Lo stesso anno lasciò la moglie. Divenne sempre più solitario, misantropo, tormentato da malattie immaginarie, e finì per rinchiudersi in una casa-fortezza in un quartiere periferico di Parigi, con l’unica compagnia del suo inseparabile violino: un bellissimo Stradivari del 1721.

Vuoi per mano di un parente che non gli aveva perdonato di aver abbandonato la famiglia, vuoi per opera di un altro musicista invidioso del suo talento, il 22 o il 23 ottobre del 1764 Jean-Marie Leclair fu ucciso con una pugnalata alla schiena.
Si era tanto isolato dal mondo che fu trovato soltanto due mesi più tardi, riverso a terra nella sua stanza. E, come i presenti notarono subito con stupore e compassione, stringeva ancora al petto ciò che aveva di più caro, ovvero il suo Stradivari rosso. La mano destra irrigidita di Leclair aveva ormai lasciato sulla tavola del violino una macchia scura, incancellabile, che da allora in poi avrebbe per sempre accompagnato quel prezioso Stradivari.

Al 2014 il violino di Leclair, soprannominato le Noir, è di proprietà del violinista italiano Guido Rimonda.

Lo stile[modifica | modifica wikitesto]

Leclair cercò nelle sue opere di conciliare i gusti francese e italiano, sfruttando la tematica del primo e la tecnica del secondo, e nonostante l'evidente influenza di Somis nelle sue composizioni, la continua ricerca del colore resta un'importante caratteristica dello stile francese.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56796764 LCCN: n79100668

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica