John Sholto Douglas, IX marchese di Queensberry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Marchese di Queensberry
Il Marchese di Queensberry nel 1896
Il Marchese di Queensberry nel 1896
Nascita Firenze, Granducato di Toscana, Italia, 20 luglio 1844
Morte Londra, Regno Unito, 31 gennaio 1900
Padre Archibald Douglas, VIII marchese di Queensberry
Madre Caroline Margaret Clayton
Coniugi Sibyl Montgomery (1866–1887)
Ethel Weeden (1893–1894)
Figli Francis Douglas, Visconte Drumlanrig & Barone Kelhead
Percy Douglas, X marchese di Queensberry
Lord Alfred Douglas

John Sholto Douglas, 9º Marchese di Queensberry GCVO (Firenze, 20 luglio 1844Londra, 31 gennaio 1900), fu un nobiluomo scozzese, ricordato per il prestato il suo nome e il patrocinio alle "Regole del Marchese di Queensberry" che hanno costituito la base del moderno pugilato, per il suo schietto ateismo, e per il suo ruolo nella caduta del compagno del figlio Alfred, Oscar Wilde.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Douglas nacque a Firenze, Italia, figlio maggiore del politico scozzese del partito conservatore Archibald, Visconte Drumlanrig, che era l'erede del VII Marchese di Queensberry. Fu per breve tempo designato Viscount Drumlanrig in seguito alla successione di suo padre nel 1856, e alla morte di suo padre nel 1858 ereditò il Marchesato di Queensberry. Il IX marchese fu educato al Royal Naval College di Greenwich a Londra, diventando un guardiamarina all'età di dodici anni e un tenente della marina a quindici. Nel 1864 entro al Magdalene College, Cambridge, che abbandonò due anni dopo senza laurearsi.[1] Sposò Sibyl Montgomery nel 1866. Ebbero quattro figli maschi ed una femmina, ma divorziarono nel 1887. Queensberry sposò Ethel Weeden nel 1893, ma il matrimonio fu annullato l'anno successivo. Morì a Londra, all'età di 55 anni, quasi un anno prima della morte di Oscar Wilde. Anche se scrisse un poema che cominciava con le parole "Quando sarò morto crematemi", fu sepolto in Scozia.

Suo figlio maggiore ed erede apparente fu Francis, Visconte Drumlanrig, che si diceva fosse impegnato in una relazione con il Primo Ministro liberale, Archibald Primrose, V conte di Rosebery. Morì celibe e senza figli.

Il secondo figlio maschio di Douglas, Lord Percy Douglas (1868–1920), successe al titolo.[2] Lord Alfred "Bosie" Douglas, terzogenito, fu l'amico e amante di fama del celebre autore e poeta Oscar Wilde. Gli sforzi di Douglas per porre fine alla loro relazione portò alla sua famosa disputa con Wilde.

Note e fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) J. & J. A. Venn, Queensberry, John Sholto (Douglas), Marquess of in Alumni Cantabrigienses, Cambridge University Press, 1922–1958.
  2. ^ [1] [collegamento interrotto]

Riferimenti culturali[modifica | modifica wikitesto]

La congettura che il figlio di Queensberry Francis possa aver avuto una relazione con Rosebery è drammatizzato in Richard Woulfe "His Most Obedient Servant"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Marchesato di Queensberry Successore
Archibald Douglas 1858–1900 Percy Douglas

Controllo di autorità VIAF: 26646493 LCCN: no95017059