IžAvto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Izh Auto)
IžAvto OAO
Stato Russia Russia
Fondazione 1966 a Iževsk
Sede principale Iževsk
Settore Autoveicoli
Sito web www.izh-auto.ru

Con IžAvto (ИжАвто in russo) si intende il ramo d'azienda della Ižmaš che produce autovetture a Iževsk. Lo stesso gruppo produce inoltre motocicli e armi (ad esempio i molto conosciuti Dragunov e AK-47).

La fabbrica fu fondata nel 1965 da Dmitrij Fëdorovič Ustinov che era il supporto del ministro dell'industria della difesa.

La prima macchina prodotta è stata la Moskvič-408 il giorno 12 dicembre 1966.

Vetture fuori produzione[modifica | modifica sorgente]

La IŽ-Moskvič 412
  • 1966 - 1973 Moskvič-408 (per conto della "Moskvič OAO"): auto che riscosse un discreto successo e che riuscì a competere con le auto del mercato straniero
  • 1967 - 1997 Moskvič-412 (per conto della "Moskvič OAO"): nata dall'ammodernamento della Moskvič-408 della quale riuscì ad ereditare la semplicità della meccanica e la durabilità e con un abitacolo più spazioso capace di tenere 5 persone comodamente. Nacque una variante sportiva che vinse competizioni sovietiche e straniere.
  • 1968 - 1973 Moskvič-434 (per conto della "Moskvič OAO"): versione van della Moskvič-426 (prodotta da Moskvich).
  • 1972 - 1997 Iž-2715: prima vettura con marchio ufficiale "Iž". Veicolo di lavoro in versione van molto spazioso.
  • 1973 - 1997 Iž-2125: si tratta di una berlina 2 volumi con portellone posteriore grosso e ampio bagagliaio ma che non riscosse un grande successo rispetto altri modelli nonostante 20 anni di produzione.
  • 1974 - 1997 Iž-27151: versione pickup della 2715, dotato di sospensioni più robuste per i terreni più accidentati ed esportato in Sud America con il cassone maggiorato.
2126: l'auto di maggior successo
  • 1991 - 2005 Iž-2126 "Orbit": auto dalla linea moderna dinamica elegante con migliorie tecniche. Era prodotta anche in versione "tuning" la cui variante era chiamata "Nika" che si differenziava dal modello base da alcune varianti tecniche ed estetiche (spoiler, radiatore) al fine di migliorarne le prestazioni. Venne presa come modello base per le versioni van (Izh 2717), pick-up (Izh 27171), e la variante familiare "Fabula" 212612 / 212614. Era poi presente una versione 4x4 chiamata "Ode" dotata di un buon compromesso di spaziosità tra abitacolo e bagagliaio, insonorizzazione e sospensioni adatte a qualsiasi tipo di terreno. La linea ricorda molto la Lada Samara nonché la ZAZ Tavria.
  • 2001 - 2006 Lada-Vaz 2106 e Lada-Vaz 2107 nel periodo 2011 - 2012 (per conto di AutoVaz): due delle versioni della "Žiguli" che motorizzarono l'intera Unione Sovietica diventando, assieme alle altre varianti di 210x, l'auto più venduta e tuttora utilizzata. Dotata di piccole migliorie rispetto al predecessore modello base 2103 prendendo come spunto la Fiat 124 Special T e Fiat 125. Nata negli stabilimenti di Togliattigrad nel 1976 dall'AutoVaz su commissione è stata spostata la produzione a Izhevsk presso IzhAuto solo nel 2001. Lo stemma e il nome di LadaAuto è stato mantenuto.
  • 2001 - 2012 Lada-Vaz 2104 (per conto di AutoVaz): la station wagon più venduta nell'ex-Unione Sovietica che divenne l'auto familiare più venduta e più usata assieme alla precedente 2102 (clone della Fiat 124 Familiare). Nata negli stabilimenti di Togliattigrad nel 1984 è prodotta a Iževsk dal 2001 mantenendo il marchio LadaAuto.
  • 2005 - 2012 Iž-27175 per conto di AutoVaz: è l'unica Lada che non è mai stata prodotta a Togliattigrad e che usa come stemma e nome quello di IžAvto. Derivata dalla 2104 è la versione pickup.

Vetture in produzione[modifica | modifica sorgente]

Dati di produzione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 sono state prodotte 52.822 auto tra cui 1800 Kia Spectra e nei primi 5 mesi del 2006 8.549 vetture. Nel 2006 la produzione è cresciuta del 23% arrivando così a vendere 65.024 auto.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti