Ipogeo di Hal Saflieni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Ipogeo di Hal-Saflieni
(EN) Hal-Saflieni Hypogeum
Malta 04 Hypogeum Hal Saflieni.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1980
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

L'Ipogeo di Ħal-Saflieni, Paola, Malta, è una struttura sotterranea scavata circa tra il 3600 a.C. e il 2500 a.C. Si pensa che in origine fosse un santuario, ma divenne una necropoli in tempi preistorici. È l'unico tempio preistorico sotterraneo al mondo. L'ipogeo venne impresso su 5000 francobolli da due centesimi delle isole di Malta nel 1980, per commemorare il fatto che l'UNESCO inserì questa struttura unica tra i patrimoni dell'umanità. Venne chiuso al pubblico tra il 1992 ed il 1996 per restauro.

Venne scoperto per caso nel 1902, quando degli operai che stavano tagliando delle cisterne per nuove abitazioni ne ruppero il soffitto. Lo studio della struttura venne all'inizio affidato a Padre Manuel Magri della Compagnia di Gesù, che diresse gli scavi per conto del Museums Committee. Magri morì nel 1907, prima della pubblicazione della relazione sugli scavi. In seguito all'inaspettata morte di Magri, gli scavi ripresero sotto il controllo di Sir Themistocles Zammit.

Primo livello[modifica | modifica sorgente]

Il primo livello somiglia molto alle tombe scoperte a Xemxija (Malta). Alcune stanze sono in realtà caverne naturali ampliate artificialmente. Dagli esami di datazione si è appreso che è il livello più antico. Il secondo livello venne creato quando gli antichi costruttori decisero che il primo non era più sufficiente. Questo livello si trova solo 10 metri sotto il livello della strada.

Secondo livello[modifica | modifica sorgente]

Modellino dell'ipogeo di Hal Saflieni
La Donna Dormiente, Museum of Archaeology, Valletta, Malta

Il livello mostra eccellenti abilità nella scultura delle pietre. Si possono osservare importanti stanze, come la Stanza Principale, il Santo dei Santi, e la Stanza dell'Oracolo.

La Stanza Principale[modifica | modifica sorgente]

Questa camera è più o meno circolare, scavata nella roccia. Vi si trovano numerosi trilitici; alcune cieche, altre che conducono ad altre stanze. Buona parte dei muri sono colorati di ocra. La statuetta della Donna Dormiente venne trovata in questa stanza. Al giorno d'oggi la statua è ospitata presso il Museum of Archaeology, a La Valletta, Malta.

La Stanza dell'Oracolo[modifica | modifica sorgente]

La Stanza dell'Oracolo è di forma rettangolare, ed è una delle più piccole stanze laterali. Su una delle sue pareti è presente un foro in cui un uomo, infilandovi la testa e parlando, può far udire la propria voce per tutto l'ipogeo. La voce femminile non provoca lo stesso effetto. Questa stanza possiede un soffitto dipinto in maniera elaborata, composto da spirali di ocra con globi circolari.

La Stanza Decorata[modifica | modifica sorgente]

Fuori dalla Stanza dell'Oracolo, sulla destra, si trova un'ampia sala circolare, riccamente decorata con motivi geometrici. Sul muro a destra si trova il disegno di una mano umana scolpita nella roccia (Agius).

Il Buco del Serpente[modifica | modifica sorgente]

Il secondo livello contiene una buca alta due metri che potrebbe essere stata usata per tenervi dei serpenti, o per raccogliere l'elemosina.

Santa Sanctorum[modifica | modifica sorgente]

Il punto focale di questa stanza è un portone trilitico, contenuto a sua volta in uno maggiore, ed in un altro ancora.

Terzo livello[modifica | modifica sorgente]

Il piano più basso non contiene ossa o offerte, solo acqua. Si suppone che sia stato usato come deposito, probabilmente di frumento.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

L'ipogeo di Ħal-Saflieni è una famosa attrazione turistica, grazie alla sua età. L'Heritage Malta (l'istituzione che protegge i beni storici del luogo) permette a solo 80 visitatori al giorno di accedere all'ipogeo. Raccomanda ai turisti di prenotare con molto anticipo per essere sicuri di trovare posto.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità

Coordinate: 35°52′12″N 14°30′23″E / 35.87°N 14.506389°E35.87; 14.506389