Io e la scimmia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Io e la scimmia
Me and the Chimp Ted Bessell Buttons 1972.jpg
Titolo originale Me and the Chimp
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1972
Formato serie TV
Genere sitcom
Stagioni 1
Episodi 13
Durata 30 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,33 : 1
Colore colore
Audio mono
Crediti
Ideatore Garry Marshall, Thomas L. Miller
Interpreti e personaggi
Fotografia Leonard J. South
Musiche Charles Fox
Produttore Alan Rafkin
Produttore esecutivo Garry Marshall
Casa di produzione Paramount Television
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 13 gennaio 1972
Al 27 aprile 1972
Rete televisiva CBS

Io e la scimmia (Me and the Chimp) è una serie televisiva statunitense in 13 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di una sola stagione nel 1972.

È una sitcom familiare incentrata sulle vicende dei Reynolds che adottano uno scimpanzé. La serie è conosciuta in Italia anche con il titolo Il mio amico Bottoni.[1] Durante la prima televisiva sulla CBS la serie si rivelò un flop di ascolti e fu annullata dopo tredici episodi.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

San Pascal, California. Mike Reynolds, un dentista che vive con la moglie Liz e i suoi due figli Scott e Kitty, si lascia convincere dai figli e dalla moglie ad adottare uno scimpanzé, che poi chiamano "Bottoni" (Buttons), scappato da un laboratorio (cosa sconosciuta a Mike e alla sua famiglia fino a quando un sergente dell'esercito fa loro visita). La comicità dei vari episodi scaturisce principalmente dalle situazioni imbarazzanti che occorrono a causa dall'animale e che soprattutto Mike, suo malgrado, deve affrontare.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

  • Mike Reynolds (13 episodi, 1972), interpretato da Ted Bessell.
  • Liz Reynolds (13 episodi, 1972), interpretata da Anita Gillette.
  • Scott Reynolds (13 episodi, 1972), interpretato da Scott Kolden.
  • Kitty Reynolds (13 episodi, 1972), interpretata da Kami Cotler.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie, ideata da Garry Marshall e Thomas L. Miller, fu prodotta da Paramount Television[2] e girata negli studios della Paramount a Hollywood in California.[3] Le musiche furono composte da Charles Fox.[4] Lo scimpanzé utilizzato per le riprese era di proprietà di Lou Schumacher e addestrato da Bob Riedell.

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i registi sono accreditati:[4]

Sceneggiatori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli sceneggiatori sono accreditati:[4]

  • Garry Marshall
  • Thomas L. Miller

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu trasmessa negli Stati Uniti dal 13 gennaio 1972 al 27 aprile 1972[5][6] sulla rete televisiva CBS.[2] In Italia è stata trasmessa su emittenti locali[7] con il titolo Io e la scimmia.[1] È stata distribuita anche in Germania Ovest con il titolo So ein Affentheater.[8]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA
Prima stagione 13 1972

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Io e la scimmia - MYmovies. URL consultato il 6 maggio 2012.
  2. ^ a b Io e la scimmia - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione. URL consultato il 6 maggio 2012.
  3. ^ Io e la scimmia - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 6 maggio 2012.
  4. ^ a b c Io e la scimmia - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 6 maggio 2012.
  5. ^ Io e la scimmia - IMDb - Elenco degli episodi. URL consultato il 6 maggio 2012.
  6. ^ Io e la scimmia - tv.com - Elenco degli episodi. URL consultato il 6 maggio 2012.
  7. ^ Io e la scimmia - Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 6 maggio 2012.
  8. ^ Io e la scimmia - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 6 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione