Ilisso (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ilisso
Ilisso
Fiume Ilisso e Tempio di Zeus Olimpio di Edward Dodwell
Stato Grecia Grecia
Periferie Attica
Nasce Monte Imetto
Sfocia Baia del Falero
37°56′30.43″N 23°40′54.08″E / 37.941786°N 23.68169°E37.941786; 23.68169Coordinate: 37°56′30.43″N 23°40′54.08″E / 37.941786°N 23.68169°E37.941786; 23.68169

L’Ilisso (in greco Iλισός, traslitterato in Ilisós; in greco antico Ἰλισσός, traslitterato in Ilissós) è un piccolo fiume dell'Attica che scorre lungo la pianura di Atene.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Era formato da due rami: quello principale, che nasce sul versante settentrionale del monte Imetto, riceveva nei pressi del Liceo, ad est di Atene, le acque di quello secondario, l'Eridano (in greco antico Ἠριδανός, traslitterato in Eridanós), ora in secca, che sorgeva sulla parte occidentale dell'Imetto presso Syriani.[1]

Il fiume scorre poi attraverso la zona meridionale della città, verso la baia del Falero; spesso, però, non raggiunge il mare per la scarsità di acqua e d'estate è sempre in secca. ma quasi mai raggiunge il mare, e nel quartiere di Atene è sempre asciutto in estate. I platani che sorgevano intorno al fiume e le rive ombrose di questo, descritti da Platone nel Fedro, sono stati sostituiti da nude rocce e radi cespugli.[2] La sorgente di Syriani è un luogo molto affascinante ed è stato descritto da Ovidio:

(LA)
« Est prope purpureos colles florentis Hymetti
Fons sacer, et viridi cespite mollis humus. »
(IT)
« Là del fiorito Imetto presso i vaghi
purpurei colli scaturisce un sacro
fonte, il cui margo vagamente intorno
smaltan di bei colori le verdi erbette. »
(Ovidio, op. cit., III, 687[3])

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pausania, op. cit., I, 19, 5.
  2. ^ (EN) Edward Dodwell, A Classical and Topographical Tour Through Greece During the Years 1801, 1805 and 1806, I, p. 475.
  3. ^ Traduzione di Filippo Sacchetti, Tomo trigesimoprimo contiene di P. Ovidio Nasone l'Arte dell'amare libri tre tradotti dall'abate Filippo Sacchetti, romano, 1754.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]