Ilario Spolverini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conversione di San Paolo (Fondazione Cariplo)

Ilario o Pier Ilario Spolverini (Parma, 1657Piacenza, 1734) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il Duca di Parma a cavallo (1720)

Fu il migliore allievo di Francesco Monti e come questi divenne celebre per i suoi quadri rappresentanti battaglie tanto che si soleva dire che "i soldati del bresciano minacciavano e quelli dello Spolverini uccidevano".

Uscito dalla scuola di questi, si recò a Firenze dove studiò le opere di Jacques Courtois detto il Borgognone.

Si trasferì successivamente a Venezia, dove dipinse molti quadri di battaglie, rappresentanti ogni tipo di scaramucce ed azioni militari, con un gran numero di figure e costruzioni sullo sfondo. Fra le opere più importanti,celebri sono quelle presenti nella sala Cappello a Venezia.

Lavorò per la corte del Duca Francesco Farnese.

Nel 1714, per il ragguaglio delle nozze di Filippo V ed Elisabetta Farnese, fece i disegni del frontespizio figurato e di cinque grandissime tavole atlantiche, il cui intaglio fu eseguito da diversi artisti mediocri.

A Busseto, in casa Pallavicini, era possibile vedere molti quadri di battaglie, egregiamente dipinti da questo autore.

Tra i suoi allievi ricordiamo Francesco Simonini parmigiano (1686, Venezia 1733), anch'egli specializzato nel dipingere battaglie.

Morì a Piacenza nel 1734.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Esplosione di una mina, disegno a penna ovale cm 26,5 x 25,5, Museo del Louvre

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giuliano Spadini, Schivenoglia Francesco Maria Raineri, Tipografia Ceschi - Quistello, 2008 (pagg.20)
  • Stefano Ticozzi, Dizionario degli architetti, scultori, pittori & c. d'ogni età e d'ogni nazione - tomo terzo,Milano presso Luigi Nervetti tipografo-libraio, 1832
  • Leopoldo Cicognara, Catalogo ragionato dei libri d'arte ed antichità posseduti dal conte Cicognara, tomo primo, Pisa presso Niccolò Capurro, 1821
  • Carlo Carasi, Le pubbliche pitture di Piacenza, 1780
  • Domenico Sedini, Ilario Mercanti, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]