Il tempo delle mele 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tempo delle mele 2
Il tempo delle mele 2.png
L'abbraccio finale di Vic e Philippe
Titolo originale La boum 2
Paese di produzione Francia
Anno 1982
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere sentimentale
Regia Claude Pinoteau
Produttore Marcel Dassault, Alain Poiré
Montaggio Marie-Josephe Yoyotte
Musiche Vladimir Cosma, Renaud
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Il tempo delle mele 2 è un film del 1982 diretto da Claude Pinoteau.

Si tratta del seguito, meno fortunato, del popolarissimo Il tempo delle mele del 1980.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ancora una volta ambientato a Parigi e la protagonista è sempre Victoire, "Vic" Berreton (Sophie Marceau, doppiata nella distribuzione per l'Italia da Susanna Fassetta). Sono passati 2 anni da quando Vic ha lasciato Mathieu, che si è trasferito fuori città. La ragazza, ora quasi sedicenne, incontra in un modo imprevedibile il bel Philippe (Pierre Cosso), un ragazzo mezzo tedesco che sta tornando in Francia dopo essere andato a trovare la madre in Germania, e tra i due è subito amore.

Nel frattempo i genitori di Vic, con un altro figlio da crescere, attraversano nuovamente una crisi che ha origine da un'offerta di lavoro per il padre di Vic fuori città, che lui decide di accettare prendendo la via del successo. Ma i due, alla fine, riusciranno a rappacificarsi. Poupette, l'arzilla bisnonna di Vic, alla sua veneranda età, decide in un primo tempo di convolare a nozze con il suo coetaneo Jean-Louis (ormai rimasto vedovo), ma all'ultimo momento cambia idea.

Vic e Philippe litigano molte volte, causa gli amici di lei, e finiscono col rompere per dedicarsi a nuove storie, tra le quali un ritorno a Parigi di Mathieu. Alla fine del film, però, si ricongiungeranno con un abbraccio e torneranno insieme.

Location[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle location utilizzate per girare le scene del film sono:

  • Liceo Enrico IV, Parigi
  • Liceo Montaigne, Parigi
  • Piazza del Panthéon, Parigi
  • Salisburgo, Austria (scena di inizio del film)

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film, che nella precedente pellicola era rappresentata dalla nota canzone Reality di Richard Sanderson, in questo caso è stata curata dai Cook da Books; la canzone rappresentativa di questo capitolo è Your Eyes.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema