I cannibali (film 1988)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I cannibali
Os canibais (film).JPG
Leonor Silveira in una scena del film
Titolo originale Os Canibais
Paese di produzione Portogallo, Francia
Anno 1988
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Manoel de Oliveira
Soggetto Álvaro do Carvalhal
Sceneggiatura Manoel de Oliveira
Produttore Paulo Branco, Paulo de Sousa
Fotografia Mario Barroso
Montaggio Sabine Franel e Manoel de Oliveira
Musiche João Paes
Scenografia Luis Monteiro
Interpreti e personaggi
Premi

I cannibali (Os Canibais) è un film del 1988 diretto da Manoel de Oliveira, presentato in concorso al 41º Festival di Cannes.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

"I cannibali" è un film opera, ossia un film cantato e non recitato. Il film nacque per iniziativa di João Paes, l'autore della musica, il quale sfidò Manoel de Oliveira a girare un film con la musica già composta; de Oliveira accettò la sfida riservandosi la scelta del soggetto[2]. Questo fu tratto dal racconto I cannibali di un autore portoghese del XIX secolo fino ad allora poco noto, Álvaro do Carvalhal (1844-1868)[3].

Il film venne presentato al Festival di Cannes 1988. Pur non vincendo il primo premio ottenne un grande successo di critica; non ebbe invece successo presso il pubblico che lamentò una certa lentezza nella prima parte del film[4].

Il film segnò l'esordio di Leonor Silveira, in seguito attrice nella maggior parte dei film di de Oliveira.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La vicenda è ambientata in Portogallo nei primi anni del XIX secolo. La giovane e bella Margarida si innamora del Visconte de Avelede e, a una festa, gli dichiara il suo amore. Margarida è amata anche da Don João (Don Giovanni) il quale, rifiutato dalla fanciulla, giura vendetta contro il visconte. Sebbene il visconte ammonisca Margarida di poter essere depositario di uno spaventoso segreto, la fanciulla riesce a farsi sposare.

La prima notte di nozze viene svelato l'orribile segreto: tranne la testa e il muscolo cardiaco, il corpo del visconte, gli organi, i visceri, gli arti, ecc. sono costituiti da protesi meccaniche. Sconvolta, Margarida si uccide gettandosi dalla finestra, seguita dal Visconte che si getta volontariamente nel fuoco del camino; testimone del dramma è Don João, che si era nascosto con l'intento di uccidere il visconte.

L'indomani giungono al palazzo del visconte il padre e i fratelli della sposa. Vedono nel camino della carne arrosto, ritengono che si tratti di un manicaretto e la mangiano. Si sente un colpo di fucile: Don João si è sparato accanto al cadavere di Margarida. All'arrivo dei parenti di Margarida Don João fa in tempo a raccontare l'accaduto. Sgomenti per la tragedia e per il fiero pasto, i parenti di Margarita ritengono in un primo tempo sia opportuno che anch'essi si suicidino. Ma soprassiedono con entusiasmo quando uno dei fratelli, un magistrato, ricorda che ormai sono gli unici eredi dei beni del visconte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1988, festival-cannes.fr. URL consultato il 25 giugno 2011.
  2. ^ Simona Fina e Roberto Turigliatto (a cura di), Manoel de Oliveira. Torino: Torino Film Festival, 2000, p. 366
  3. ^ Álvaro do Carvalhal, Os Canibais. Ediz. italiana: I cannibali, a cura di Vincenzo Barca, Catanzaro: Abramo, 1993, ISBN 88-8324-054-5(scheda libraria)
  4. ^ Roberto Escobar, «L'altra metà di Manoel si mangia la noiosa», Il Sole 24 ORE 16 luglio 1989

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema