Heros severus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Heros severus
Green Severum 002.jpg
Un adulto
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Cichlidae
Sottofamiglia Cichlasomatinae
Genere Heros
Specie H.Severus
Nomenclatura binomiale
Heros severus
Heckel, 1840
Sinonimi
  • Cichlasoma severus
  • Heros severum
Nomi comuni
  • Ciclide fasciato

Heros severus è un pesce di acqua dolce appartenente alla famiglia Cichlidae ed alla sottofamiglia Cichlasomatinae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è originaria del Sud America, dove vive nei fiumi Orinoco e Rio delle Amazzoni, in zone dove la corrente dell'acqua non è troppo intensa[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare giovanile

Il corpo è compresso lateralmente, non particolarmente allungato ed abbastanza alto. La livrea di questo pesce in natura è marrone verdastra, ma in acquario ne sono state ottenute molte varietà, tra cui quella oro, che presenta una colorazione gialla più o meno pallida su tutto il corpo, quella verde e quella azzurra o turchese, che ha dei riflessi viola su sfondo azzurro[2]. Gli occhi sono sempre rossi.

Il dimorfismo sessuale, rispetto agli altri Ciclidi, non è molto evidente; il maschio è più grosso e della femmina ed ha le pinne solitamente più allungate. Invece è facile stabilire l'età del pesce perché la colorazione varia molto con il tempo: quando il pesce è giovane il corpo ha diverse strisce nere o di un grigio molto scuro, ma quando cresce quelle sbiadiscono e ne rimane una sola davanti al peduncolo caudale[3]. La dimensione media è di 20 cm ma ci sono esemplari che arrivano a 30.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È un pesce oviparo, la fecondazione è esterna e viene spesso riprodotto in cattività per il commercio acquariofilio. È un ciclide incubatore orale e le uova si schiudono in pochi giorni, mentre gli avannotti saranno autonomi dopo qualche settimana[4].

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

È abbastanza pacifico e può convivere con esemplari della stessa specie ed a volte riprodursi se è stato allevato con essi fin da giovane. Va tenuto in un acquario ricco di nascondigli ma c'è il rischio che mangi le piante o che le sposti scavando nel fondo.[5]. Accetta anche il cibo secco ma è preferibile integrare la dieta con il cibo vivo[6]. Non va tenuto in acquari troppo piccoli e con pesci aggressivi perché ha un temperamento timido[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ su seriouslyfish.com
  2. ^ scheda descrittiva su cichlidforum
  3. ^ Pesci d'acquario di Dick Mills, Fabri Editori
  4. ^ su aquaexperience.it
  5. ^ aquaticcommunity.com
  6. ^ scheda allevamento in acquario
  7. ^ su animalworld.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Klaus Paysan, The Country Life guide to Aquarium Fishes, Country life books, 1970.
  • G. Mandahl-Barth, Pesci d'acquario, Torino, Edizioni S.A.L.E.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci