Hellraiser 5: Inferno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hellraiser 5: Inferno
Titolo originale Hellraiser: Inferno
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2000
Durata 99 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Scott Derrickson
Soggetto Paul Harris Boardman, Scott Derrickson
Sceneggiatura Paul Harris Boardman
Fotografia Nathan Hope
Montaggio Kirk M. Morri
Musiche Walter Werzowa
Scenografia Deborah Raymond
Costumi Julia Schklair
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Episodi

Preceduto da Hellraiser - La stirpe maledetta (1996)
Succeduto da Hellraiser: Hellseeker (2002)

Hellraiser 5: Inferno (Hellraiser: Inferno) è un film horror del 2000 diretto da Scott Derrickson. Per la seconda volta gli attori Craig Sheffer e Doug Bradley recitano nello stesso film, la prima volta fu in Cabal. Pinhead, il capo dei Cenobiti, compare solo tre volte. Il budget per il film è stato di circa $ 2.000.000.

Per la prima volta nella serie, le torture dei Cenobiti non sono solo fisiche, ma anche psicologiche. Thorne infatti è costretto al suo inferno personale, rivivendo all'infinito il dolore patito dalle persone a lui care a causa della sua condotta amorale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Thorne è un poliziotto sbandato; tradisce la moglie con le prostitute, si droga e falsifica le prove. Dopo l'assassinio di un suo ex compagno di scuola prende una scatola misteriosa dalla scena del delitto e se la porta a casa.

Studiando la scatola, scopre che ha un meccanismo interno e riesce ad aprirla. Poco dopo muore una prostituta; il suo ultimo cliente era stato Thorne. Mentre cerca di cancellare le sue tracce viene a conoscenza di un genio criminale che si fa chiamare "l'ingegnere". Stando sulle sue tracce il poliziotto finisce in un vortice di violenza, sogno e realtà.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Hellraiser 5: Inferno in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema