HMS Blanche (H47)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Blanche
L'unità nel 1932
L'unità nel 1932
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Cacciatorpediniere
Classe B
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Identificazione H47
Ordinata 4 marzo 1929
Costruttori Hawthorn Leslie and Company
Cantiere Hebburn
Impostata 29 luglio 1929
Varata 29 maggio 1930
Destino finale Affondata da una mina il 13 novembre 1939
Caratteristiche generali
Dislocamento 1.380
Lunghezza 98,5 m
Larghezza 9,83 m
Pescaggio 3,73 m
Propulsione Tre caldaie
Due turbine con riduttori
Due assi
34.000 Shp (24.000 kW)
Velocità 35,25 nodi  (65,28 km/h)
Autonomia NumeroMiglia mn a nodi NumeroNodi(Numerokm km a Velocità km/h)
Capacità di carico 340 t di olio combustibile
Equipaggio 138
Armamento
Armamento
  • 4 cannoni da 120 mm
  • 2 cannoni da 40 mm antiaerei "Pom Pom"
  • 8 tubi lanciasiluri da 533 mm
Note
Motto Dum spiro spero

[senza fonte]

voci di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

La HMS Blanche (Pennant number H47), decima nave da guerra della Royal Navy britannica a portare questo nome[1], è stata un cacciatorpediniere classe B. Impostato nei cantieri Hawtorn Leslie il 29 luglio 1929, venne varato il 29 maggio 1930 ed entrò in servizio nel 1931.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Al momento dell'ingresso in servizio l'unità venne assegnata alla Mediterranean Fleet, dove rimase fino al 1935, quando venne trasferita nella Home Fleet. Nel 1938, mentre si trovava in servizio nei pressi di Gibilterra durante la guerra civile spagnola, venne attaccata da cinque aerei nazionalisti, senza però ricevere danni. Nel 1939, in seguito alle crescenti minacce di guerra, venne trasferita nel Nore con base a Sheerness.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale venne aggregata alla 19a Flottiglia cacciatorpediniere, con il compito di scortare le navi trasporto impegnate nel traghettamento in Francia della British Expeditionary Force. Nel mese di ottobre venne impiegata nel canale della Manica e nel Mare del Nord con compiti di pattuglia.

L'11 novembre prese parte ad una missione di posa di un campo minato insieme al cacciatorpediniere Basilisk e all'incrociatore posamine Adventure. Due giorni dopo l'incrociatore colpì una mina nei pressi della nave faro di Tongue, nell'estuario del Tamigi e la Blanche si avvicinò per prestare assistenza, colpendo però a sua volta una mina magnetica. Gravemente danneggiata, l'unità venne presa a rimorchio dal rimorchiatore Fabia, affondando però prima di raggiungere il porto. Nell'esplosione un marinaio rimase ucciso e 12 feriti. Le mine colpite dalle due unità britanniche erano state posate la notte precedente dai cacciatorpediniere tedeschi Karl Galster, Hans Ludeman, Herman Kunne e Wilhelm Heidkamp.

La Blanche guadagnò così lo sfortunato primato di essere il primo cacciatorpediniere della Royal Navy perso nel corso della seconda guerra mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Colledge, p. 46

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Colledge JJ, Ships of the Royal Navy. The complete record of all fighting ships of the Royal Navy from 15th century to the present, a cura di Ben Warlow, Philadelphia & Newbury, Casemate, 2010, ISBN 978-1-935149-07-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina