Guy Bleus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guy Bleus, noto anche come 42.292 (Hasselt, 23 ottobre 1950), è un artista e scrittore belga.

Vita e opere[modifica | modifica wikitesto]

Guy Bleus è un artista associato al movimento della mail art e performance art.

Il suo lavoro contiene diversi settori, compresa l'amministrazione (che lui chiama “Artministration”), la comunicazione postale e olfattiva.[1]

Arte e archivio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978 ha fondato “The Administration Centre – 42.292” (il Centro L'Amministrazione) che è diventato un archivio enorme con le opere d'arte e le informazioni di 6000 artisti provenienti da più di 60 paesi. "Guy Bleus ha uno dei migliori archivi di mail art in Europa, se non del mondo".[2]

Bleus è stato il primo artista che ha utilizzato sistematicamente i profumi nelle arti plastiche. Dal 1979 espone quadri con profumo, spediva oggetti profumati e realizzava installazioni aromatiche. Ha anche creato delle prestazioni a spruzzo dove ha spruzzato un velo di profumo sul pubblico.[3][4]

Esplorare le possibilità di mezzi di comunicazione come supporto d'arte, ha studiato il sistema postale in “Corrispondenza indiretta” (1979) e una ricerca per un sistema alternativo postale “posta aerea da palloncini”. Insieme a Charles François è stato un pioniere utilizzando un computer collegato ad un modem per la comunicazione artistica (nel 1989). Ha anche applicato mezzi di riproduzione, come microfilm, CD-ROM e DVD-ROM per ragioni artistiche.

Reti e progetti[modifica | modifica wikitesto]

Impressionanti sono i numerosi progetti artistici internazionali che Bleus ha organizzato, come “Are you experienced? L.H.F.S.” (1981), “W.A.A.: World Art Atlas” (1981-83), Telegrafo (1983), Cavellini Festival 1984,[5] “Art is Books” (1991), Telefax Performances (1992-1993),[6] “Building Plans & Schemes” (1993).[7]

Ha scritto numerosi saggi in materia di arte in rete. A proposito della sua saggio “Exploring Mail Art”(1984), Géza Perneckzy ha scritto: "Lo studio di Guy Bleus trascende tutte le altre pubblicazioni con il suo peso teorico e concisione"[8] Inoltre, ha contribuito alle pubblicazioni di rilievo, come ad esempio “Mail Art” di Piotr Rypson, “Eternal Network: A Mail Art Anthology” di Chuck Welch, o Vittore Baroni “Cartoline d'artista”. Ha partecipato a molti periodici artisti.[9]

Dal 1994 al 1999 ha aperto la galleria d'arte “E-Mail-Art Archives”. In questo spazio non profit più di 40 eventi di mail art, l'arte fax e l'arte Internet hanno avuto luogo. Nel 1995 ha curato “The Artistamp Collection” (la raccolta), il primo catalogo d'arte postale su CD-ROM. Con la partecipazione di artisti di rete come Vittore Baroni, Ken Friedman, Clemente Padin, Ruud Janssen, György Galántai, Pawel Petasz e Géza Perneczky, ha pubblicato nel 1997 il primo “E-Mail-Art-Art & Internet Art Manifesto”, nella sua rivista elettronica “E-Pêle-Mêle”.[10]]

Dopo una impresa burocratica di 20 anni ha realizzato nel 2003 (insieme a Jean Spiroux) il francobollo d’artista molto prima la “mail art” a tema a cura di un servizio postale ufficiale. È stata un'edizione di 4 milioni di copie realizzate dal servizio postale belga.[11]

Nel 2005-2006 Bleus ha organizzato l'olfattive Mail Art progetto, “Scents, Locks & Kisses” con 778 artisti provenienti da 43 paesi, del centro arti Z 33.[12] Il sito web è una presentazione con tutte le opere degli artisti partecipanti.[13]

Una retrospettiva del suo lavoro si è svolto presso il Centro Culturale di Hasselt nel 2010. La pubblicazione Pêle-Mêle: Guy Bleus ® - 42.292 conteneva guardie profumate con essenza di lavanda e anche una nuova edizione del suo ID dalla pianeta Marte del 1979.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Prof. Dr. Marc Van den Bossche, The ‘system’ – Guy Bleus as a critic of technical thinking, in: Pêle-Mêle: Guy Bleus® – 42.292, Hasselt, 2010
  2. ^ John Held, Jr., Mail Art: An Annotated Bibliography, Foreword: Guy Bleus, Scarecrow Press, Metuchen, 1991
  3. ^ Ivan Hermans, Guy Bleus in: High Performance, Issue 22, Vol.6, n°2, 1983
  4. ^ www.artpool.hu Olfactive installation 1998
  5. ^ John Held, Jr., Mail Art Shows, 1970-1985, Dallas 1986
  6. ^ [2] Guy Bleus, Fax Art Project & Performance, De Fabriek, Eindhoven, 1993
  7. ^ [3] [4] Biography Guy Bleus
  8. ^ Géza Perneczky, Artists’ Stamps, in: Stamp Images, Budapest, 1987
  9. ^ Géza Perneczky, The Magazine Network: The Trends of Alternative Art in the Light of Their Periodicals 1968-1988, Cologne, 1993
  10. ^ Guy Bleus, E-Pêle-Mêle: E-Mail-Art Netzine, Vol.III, n° 1, 1997
  11. ^ Belgian Postal Service
  12. ^ Z33
  13. ^ Scents : Locks : Kisses
  14. ^ CCHa

Bibliografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Hendryk Gajewski, Mail Art Handbook, The Open University, Amsterdam, 1983
  • Piotr Rypson, Mail-Art – Czyli Sztuka Poczty, Akademia Ruchu, Warszawa, 1985
  • Chuck Welch, Networking Currents, Sandbar Willow Press, Boston, 1986
  • Fred Truck, Guy Bleus, in: The Memory Bank, Des Moines University, 1986
  • Günther Ruch (ed.), MA-Congress 86, Out-press, Geneva, 1987
  • Hans-Rüdi Fricker, I Am A Networker (Sometimes) , St. Gallen, 1989
  • Gianni Broi, La posta in gioco. La comunicazione postale come creatività artistica, Pres. del consiglio del ministri, Florence, 1990
  • John Held, Mail Art: An Annotated Bibliography, (Prefazione: Guy Bleus), Scarecrow Press, 1991
  • Jean-Noël Laszlo, Timbres d'artistes, Musée de la Poste, Paris, 1993
  • Chuck Welch, Eternal Network: A Mail-Art Anthology, Alberta, University of Calgary Press, 1994
  • Vittore Baroni, Postcards, Cartoline d'artista, Coniglio editore, 1996. ISBN 8888833730
  • Vittore Baroni, Arte Postale: Guida al network della corrispondenza creativa, AAA Edizioni, Bertiolo, 1997
  • Anna Boschi (a cura di), Mail art 4: libri d'artista e poesia visiva, catalogo mostra, Castel San Pietro Terme, 1998
  • James Warren Felter, Artistamps - Francobolli d’Artista, Bertiolo, AAA Edizioni, 2000
  • Bernd Löbach-Hinweiser, Artists’ Banknote Works, Cremlinge, 2000
  • Craig J. Saper, Networked Art, University of Minnesota Press, 2001
  • Renaud Siegmann, Mail Art, Art postal - Art posté, Paris, 2002
  • Géza Perneczky, Correspondence Works & Labels, Köln, 2003
  • Julien Blaine, Mail Art 2003, VAC, Ventabren art contemporain, 2003
  • Madelyn K. Starbuck, Clashing and Converging: Effects of the Internet on the Correspondence Art Network, Austin, University of Texas, 2003
  • Raffaella Di Lorenzo, Arte da lontano: Dalla Mail Art ai telefoni cellulari, Sapienza Università di Roma, 2004
  • Vittorio Baccelli, Arte Postale - Mail art, Tesseratto Editore, Seville, 2009
  • Willem Elias, Guy Bleus: Contemplation of a million, in: De kunst van het spel, Mercatorfonds, Bruxelles, 2009
  • Niels Peter Lomholt & Lene Aagaard Denhart, Lomholt Mail Art Archive, Formular Press, Denmark, 2010
  • Graziela Gutiérrez Marx, Artecorreo: Artistas Invisibles en La Red Postal 1975-1995, Buenos Aires, Luna Verde, 2010
  • Pere Sousa, Merzmail, Mail Art - La Red Eterna, L.U.P.I., Sestao, 2011
  • John Held, Where the Secret is Hidden: Collected Essays, 1979-2011 – Part 1 & 2, Bananafish Publications, Sacramento and San Francisco, CA, 2011
  • Guy Bleus, Social Mail Art, in: 1962-2012 – 50 Years of Mail Art, Anna Boschi (a cura di), Museo Civico e della Mail Art di Montecarotto, 2012
  • Dan Holsbeek, Guy Bleus, in: Landscape of Images, ed. Eurlings, Ellen (e.a.), Hasselt, 2012. ISBN 9789074605557
  • Bruno Chiarlone Debenedetti, Art through Postal Service, Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A., ilmiolibri, Roma, 2013
  • György Galántai & Júlia Klaniczay, (Ed.), Artpool: The Experimental Art Archive of East-Central Europe, Budapest, 2013. ISBN 978-963-08-7225-6
  • Fabiane Pianowski, Análisis Histórico del Arte Correo en América Latina, Universitat de Barcelona, 2014

Pubblicazioni di Guy Bleus-42.292[modifica | modifica wikitesto]

Libri d'artista, riviste e cataloghi[modifica | modifica wikitesto]

  • Subterranean II, Academy of Arts, Ghent, 1970
  • Are You Experienced: L.H.F. S., VUB, University, Brussels, 1981
  • Book of Scents, TAC-42.292, Wellen, 1982
  • W.A.A.: World Art Atlas, De Warande, Turnhout, 1983
  • B.T.S. - Commonpress 56, Het Toreke, Tienen, 1984
  • Audio Art: Screams (Against Bureaucracy), Provinciaal Museum, Hasselt, 1989
  • Art is Books: Artists’ Books, PCOB, Hasselt, 1990
  • Networking Fax-Project & Performance, De Fabriek, Eindhoven, 1993
  • E-Pêle-Mêle: Electronic Mail-Art Netzine, TAC–42.292, Hasselt, 1994-1998
  • Mail-Art, PCBK & TAC-42.292, Hasselt, 1994
  • In a memory of Ray Johnson, TAC-42.292, Hasselt, 1995
  • Private Art Detective / The Thrill of Working with Odours, C.C. Heusden-Zolder, 1996
  • Re: The E-Mail-Art & Internet-Art Manifesto, TAC-42.292, Hasselt, 1997
  • Kunstenaarsboeken, (artists’ books), Literair Museum, Hasselt, 1998
  • Re: The E-Mail-Art & Internet-Art Manifesto - Part II, TAC-42.292, Hasselt, 1998

CD-ROM e DVD-ROM[modifica | modifica wikitesto]

  • The Artistamp Collection: with an X, E-Mail-Art Archives, Hasselt, 1996
  • The Artistamp Collection: without an X, E-Mail-Art Archives, Hasselt, 1996
  • Eutopia, Het Gouvernement, Maastricht, 1997
  • Desks: 1001 Bureaus, Centrum Beeldende Kunst, Groningen, 1998
  • 1899 GeZeLLe 1999, Visual Poetry, Bruges, 1999
  • Artbiorix, De Velinx, Tongeren, 2000
  • S:L:K – Olfactory Mail Art project, Z33, Hasselt, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 96705959