Gregorio Lazzarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gregorio Lazzarini (Venezia, 1655Villabona Veronese, 10 novembre 1730) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si formò dal pittore genovese Francesco Rosa e alla bottega del pittore barocco Pietro della Vecchia. La sua opera più conosciuta è conservata nella sala dello scrutinio a Palazzo Ducale, dove decorò l'arco Morosini; sempre a Venezia, fu attivo anche a Ca' Zenobio degli Armeni e a Palazzo Priuli Ruzzini. Un gruppo di dipinti suoi è in mostra presso la sala S. Tommaso della basilica SS. Giovanni e Paolo. Una delle opere a lui attribuite è l'"Ultima cena", custodita nel Duomo di Caorle. Una delle sue qualità principali è l'eclettismo. Questa sua capacità lo aiutava a soddisfare i clienti. Alla sua scuola si formò il famoso pittore Giambattista Tiepolo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • C. Crosera, Opere profane di Gregorio Lazzarini, in "Arte in Friuli, Arte a Trieste", 18/19, 1998/99.
  • T. Knox, Bellucci, Lazzarini, Molinari: The Mythologies of Ca' Correr, in Ex Fumo Lucem. Baroque Studies in Honour of Klára Garas. Presented on Her Eightieth Birthday, Budapest 1999, vol. I.
  • F. Magani, I pittori di Vincenzo da Canal: Liberi, Dorigny, Lazzarini, Molinari e Bellucci, in Pittura veneziana. Dal Quattrocento al Settecento. Studi di storia dell'arte in onore di Egidio Martini, Venezia 1999.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 18392230