Gonzalo Jiménez de Quesada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gonzalo Jiménez de Quesada (Olio su tela, artista sconosciuto, Museo Nacional da Colombia, Bogotà)

Gonzalo Jiménez de Quesada (Granada, 1509Mariquita, 1579) è stato un esploratore spagnolo in Colombia. In molte delle sue imprese riuscì a guadagnare grandi quantità di oro e smeraldi, ma concluse la sua carriera in modo disastroso, tanto che in molti lo hanno visto come modello ispiratore per Miguel de Cervantes nella creazione del personaggio di Don Chisciotte della Mancia[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Avvocato in formazione venne nominato primo giudice della colonia di Santa Marta (sul litorale del nord della Colombia), dove arrivò nel 1535 con la flotta di Pedro Fernández de Lugo. Nel 1536 venne incaricato da de Lugo di comandare una spedizione per esplorare le terre interne della Colombia. Ad accompagnare Quesada nella spedizione vi era Hernán Pérez de Quesada (suo fratello), Juan il San Martín, Juan del Junco (secondo in comando) e Lázaro Fonte, parte verso il sud di Santa Marta, attraversato il fiume Cesar ed arrivò a Tamalameque sul fiume Magdalena. Inoltre una flotta di sostegno di 6 (o 5) navi era partita da Santa Marta con 800 uomini per risalire il fiume Magdalena. Soltanto due dei vascelli arrivarono realmente a Tamalameque e successivamente ripartirono per Santa Marta con molti degli uomini di Quesada.

Continuando a risalire il fiume Magdalena fino alla La Tora (Barrancabermeja), Quesada ed i suoi uomini ascesero il fiume Opon alle soglie delle catene montuose, raggiungendo le colline Opon in Chipata (vicino a Vélez) (nel marzo 1537) e nella valle del fiume Suárez. Oltrepassando il lago Fúquene ed il lago Suesca, Quesada raggiunse il Nemoncón e Zipaquirá, dove vi giunse con solo 166 uomini vivi (600 perirono durante il viaggio). Da là entrarono nelle terre del re di Bocota (nel luogo dell'attuale Bogotà). Cambiarono il nome di Bacata (la città principale) in Santa Fé de Bogotá ed attaccarono Tunja. Quesada rimase nella regione fino all'arrivo delle spedizioni di Sebastián de Belalcázar dall'Ecuador e Nikolaus Federmann dal Venezuela in 1539. I tre generali acconsentirono alla rifondazione della capitale e subito presentarono i loro reclami territoriali sui rivali all'arbitrato della parte superiore. Da Cartagena (Colombia) partirono per la Spagna, dove Quesada fece pressione avere il titolo di governatore. Le richieste furono un insuccesso e il governo di Popayán fu affidato a Belalcázar; Quesada vi fece ritorno nel 1549 con il titolo onorifico di Governatore di El Dorado.

Nel 1568, all'età di sessant'anni, Quesada ricevette una commissione per conquistare Los Llanos ad est della catena montuosa colombiana. Da Bogotà nell'aprile 1569 con 400 spagnoli, 1500 nativi, 1100 cavalli e 8 preti, in primo luogo discese a Mesetas sul corso superiore del fiume Guejar. La maggior parte del bestiame venne distrutto da un incendio. Quesada raggiunse finalmente San Fernando de Atabapo alla confluenza del Guaviare e dell'Orinoco (nel dicembre 1571). A quel punto ogni nuovo movimento richiedeva la costruzione di navi. Quindi decise di ritornare a Bogotà dove vi giunse nel dicembre 1572 con soltanto 64 spagnoli, 4 nativi, 18 cavalli e 2 preti. La spedizione era stata uno dei disastri più costosi della storia delle colonizzazioni e dopo un breve periodo di servizio in un ordine di frontiera, si ritirò a Huesca (Spagna) con quello che aveva potuto salvare della sua fortuna. Morì a Mariquita nel 1579 ed il suo corpo è stato sepolto nella cattedrale di Bogotà.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ E. C. Riley, "Who's Who in Don Quixote? Or an Approach to the Problem of Identity" MLN 81(2) (Marzo 1966), 113-130

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 162632040 LCCN: n50082860

Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Conquista spagnola delle Americhe