Gobius xanthocephalus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ghiozzo testa gialla
Gobius xanthocephalus.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Gobioidei
Famiglia Gobiidae
Sottofamiglia Gobiinae
Genere Gobius
Specie G. xanthocephalus
Nomenclatura binomiale
Gobius xanthocephalus
Heymer & Zander, 1992
Nomi comuni

Ghiozzo muso giallo

Il Ghiozzo testagialla (Gobius xanthocephalus Heymer & Zander, 1992) è un pesce di mare appartenente alla Famiglia Gobiidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

A causa della sua recente scoperta il suo areale è poco noto. Sembra endemico del mar Mediterraneo. Nei mari italiani è comune.

Vive su fondi duri, rocciosi e nel coralligeno fino a 30 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È molto simile a Gobius bucchichi, a Gobius geniporus, a Gobius auratus e soprattutto a Gobius fallax, da cui non è sempre distinguibile.

I principali caratteri distintivi sono:

  • muso e guance gialle
  • strie longitudinali di punti e trattini rossicci simili a quelli di Gobius fallax ma più evidenti sulla testa
  • spesso una macchia nera sotto la pinna pettorale.

Di solito non supera i 10 cm.

Alimentazione, riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Ignote.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Molto schivo, schizza nella sua tana non appena sente un pericolo.

Nota tassonomica[modifica | modifica sorgente]

Confuso fino al 1992 con Gobius auratus (a cui somiglia ben poco) e con Gobius fallax.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gobius xanthocephalus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci